È il 13 maggio.


“PRETESTI, un libro al mese per ripensare alla cura e alle pratiche della salute mentale” è dedicato a Franco Basaglia.
Al centro dell’incontro il volume di Mario Colucci e Pierangelo Di Vittorio aggiornato e riproposto dalla Collana 180 di Edizioni alphabeta Verlag di Merano


Il 13 maggio non è un anniversario qualunque: è il giorno in cui 43 anni fa è stata approvata la Legge 180. Il giorno in cui la psichiatria ha assunto ufficialmente un volto umano e gentile. Il giorno in cui è stato dimostrato che l’impossibile può diventare possibile, per dirla con le celebri parole di Franco Basaglia, lo psichiatra arrivato a Trieste esattamente 50 anni fa che ha rivoluzionato l’approccio alla sofferenza psichica, convertendo la sua formazione di stampo fenomenologico in una disciplina incarnata nel territorio e ribellandosi alle intollerabili condizioni di vita dei pazienti.

Celebrare questa data storica, pertanto, non è un esercizio di retorica per persone nostalgiche, soprattutto se si sceglie di farlo andando alle radici di quell’esperienza per rinnovarne le motivazioni autentiche. Motivazioni che hanno a che vedere coi diritti umani e con l’idea di persona e non semplicemente con modalità diverse di gestione del potere. Motivazioni che Mario Colucci, uno psichiatra che si interessa di filosofia, e Pierangelo Di Vittorio, un filosofo che ha lavorato nel campo della salute mentale, hanno scandagliato nel libro “Franco Basaglia” uscito nel 2001 per Bruno Mondadori Editore e da poco più di un anno ristampato per le Edizioni alpha beta Verlag di Merano in una nuova edizione aggiornata uscita nel marzo 2020 e impreziosita della prefazione di Eugenio Borgna.

Si tratta della prima monografia dedicata a Basaglia, dove gli autori hanno provato a tenere insieme il profilo intellettuale dello psichiatra veneziano con il suo impegno quotidiano nella lotta contro il manicomio, senza cancellare, anzi evidenziando, come si legge nella premessa alla nuova edizione, la problematicità insita in tale rapporto. Un libro — scrive Borgna — che si legge, o si rilegge, con grande interesse, e che ricostruisce avvenimenti lontani che nulla hanno perduto della loro febbrile attualità. Infatti, prosegue il decano degli psichiatri italiani, «gli orrori di molti manicomi non ci sono più, ma l’indifferenza con cui da parte di alcune direzioni sanitarie e dell’opinione pubblica si guarda a quello che avviene nei servizi di psichiatria ospedaliera continua a essere grande.» E l’inerzia, l’incapacità di creare una relazione tra chi cura e chi è curato non sono limiti della sola psichiatria, ma di tutto il sistema di cure, un sistema che l’emergenza sanitaria ha evidenziato nelle sue fragilità.

Giovedì 13 maggio alle ore 18 online sulla pagina Facebook di Copersamm, il giornalista Nico Pitrelli, direttore del Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” e autore del testo “L’uomo che restituì la parola ai matti. La comunicazione e la fine dei manicomi” (Editori Riuniti, 2004), ne parlerà — alla presenza degli autori — con Michele Zanetti, colui che in veste di presidente della Provincia chiamò Basaglia alla direzione dell’ospedale psichiatrico di San Giovanni; con Franco Rotelli, collaboratore di Basaglia e suo successore alla direzione del Dipartimento di Salute Mentale; con Alessia de Stefano, psichiatra a Roma; con Gabriella Gabrielli infermiera a Trieste, in un appuntamento online in cui l’attrice Sara Alzetta proporrà dei brani tratti dalla pubblicazione.

L’incontro è promosso da CoPerSaMM, la Conferenza Permanente per la Salute Mentale nel Mondo Franco Basaglia, un’associazione nata nel 2010 e ora presieduta dalla psichiatra Giovanna Del Giudice, e s’inserisce in “Leggere per trasformare”, un progetto finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, attraverso il quale si è inteso riprendere pubblicamente il discorso sui temi della cittadinanza e del diritto alla salute promuovendo conversazioni mensili attorno ai libri della Collana 180-Archivio critico della salute mentale, di cui è direttore lo psichiatra Peppe Dell’Acqua.

Per seguire l’evento, realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Trieste e con l’Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina:
—–> https://www.facebook.com/conferenzabasaglia/

(comunicato stampa di Fabiana Martini)

Nessun Commento »
Da leggere, Notizie

L'articolo di Daniele Mencarelli su "Domani" continua la storia di Andrea, che vorremmo potesse non finire. ...

Nessun Commento »

Notizie
A Brescia con l’Associazione Marco Cavallo Forum salute mentale
L’associazione Marco Cavallo Forum Salute Mentale Brescia, in occasione del 43° anniversario della legge 180, organizza in diretta Facebook per giovedì 13 maggio, dalle ore 18 alle 21, un incontro con Peppe Dell’Acqua, psichiatra, già direttore del Dipartimento Salute Mentale di Trieste, direttore ...

Nessun Commento »

Da leggere
Noi due siamo uno
Storia di Andrea Soldi Il 5 agosto 2015 la città è caldissima, qualcuno è già in vacanza, altri cercano un po’ d’aria nei giardini del quartiere. Anche Andrea Soldi è seduto su una panchina, ma quella è la “sua” panchina ...

Nessun Commento »

Notizie
Riformare la formazione. Criticità e proposte per una salute mentale di comunità
Nessun curriculum formativo, universitario, regionale o delle singole ASL mette al centro dell’apprendimento gli strumenti e le competenze necessarie per chi opera in servizi sanitari e di salute mentale che fanno lavoro di comunità o dovrebbero farlo, stando al dettato ...

Nessun Commento »

Da leggere
Benessere mentale di comunità. Teorie e pratiche dialogiche e democratiche
Di Raffaele Barone e Maria Selene Tarascio La cornice culturale e professionale alla base delle esperienze descritte e proposte nel libro Benessere mentale di comunità. Teorie e pratiche dialogiche e democratiche va rintracciata nel moderno concetto di medicina partecipativa, ...

1 Commento »

Da leggere
Che cos’è la salute mentale
[testo integrale del contributo raccolto in Quale psichiatria? Taccuino e lezioni di Franco Rotelli, appena pubblicato da Edizioni alphabeta Verlag per Collana 180] Può essere che la salute mentale sia il contrario della follia. Per quel che ...

Nessun Commento »

Punti di vista
Curare una comunità, coltivarla, sostenerla, ascoltarla
Editoriale di Stefano D'Offizi Ho la netta sensazione che in questi ultimi anni si stia giocando al gioco del terrore, solo che sta volta non ci sono di mezzo persone che si fanno esplodere o che aggrediscono in nome di una fede. Oggi assistiamo alla sistematica generazione di sentimenti di paura con i suoi ben noti effetti sulle masse. In particolare mi riferisco al fatto che quando il terrore si diffonde nella popolazione, questa diventa più docile, cieca per paura, passiva e capace di sottostare a ogni forma di rimedio in nome di una millantata “sicurezza” (penso alla salute, ai flussi migratori, al mondo delle sostanze, alle infrastrutture, agli eventi climatici). Questa atmosfera genera allarme sociale, emergenze, pressioni interventiste, spinte espulsive all’interno delle comunità che, ormai intolleranti al disordine, richiedono soluzioni veloci (efficaci, scientifiche) e un proliferare di luoghi specifici, solitamente adibiti alla reclusione, alla custodia, alla sorveglianza e alla cura di tutto ciò che mette in crisi la sicurezza sociale (così si giustificano i Cpr per i clandestini, gli istituti per gli anziani, le comunità per i tossicodipendenti, i “matti” o i disabili, ecc.). Come a dire che la sicurezza della comunità può essere ottenuta solo attraverso gli spazi chiusi, siano essi istituzionali, utili per il controllo del soggetto allarmante, o siano essi spazi privati, necessari a garantire la “libertà” e la quiete del cittadino. La concomitanza di più eventi, come la crisi economica, la diffusione del virus, il cambiamento climatico, il crescere di nuove disuguaglianze e nuove povertà, che stiamo vivendo, con le rispettive limitazioni imposte, nel circoscrivere gli spazi di vita e molte delle nostre libertà quotidiane, sta facendo emergere molti aspetti critici e criticabili, mettendo così in scacco il sistema politico, sociale ed economico mondiale. Anche dal punto di vista culturale il Covid ha avuto un impatto non banale, basti pensare alla paura della morte, della malattia, all’idea di essere fonte di rischio per i propri cari e all’angoscia che ne consegue, sono queste delle consapevolezze che solitamente teniamo lontane dalle nostre coscienze, e generalmente lasciamo che i nostri pensieri siano guidati da priorità edonistiche, quindi ben diverse dai bisogni di sopravvivenza, di salute, di protezione dell’altro.

Nessun Commento »

Dalla stampa
È morto Matteo Tenni
Di Gabriele Di Luca Matteo Tenni (44 anni) è morto il pomeriggio del 9 aprile, poco dopo le 18, a Pilcante di Ala (TN). L’uomo, già noto alle forze dell’ordine, in base ad una prima ricostruzione, non si era fermato all’alt di una ...

Nessun Commento »

Punti di vista
Ascoltare il dolore
Il Corriere del Trentino ha ospitato nei giorni immediatamente successivi alla morte di Matteo Tenni una lettera di un operatore di una cooperativa che, denunciando il fatto e la pericolosità dei matti, auspicava la progettazione e la costruzione di ...

1 Commento »

Da leggere
Ci chiamavano matti. Voci dal manicomio (1968-1977)
Di Paolo F. Peloso [recensione uscita su psychiatryonline.it] Gli anni ’60-’70 sono il momento nel quale ha avuto inizio in Italia la lunga opera di deistituzionalizzazione nella quale la psichiatria italiana è ancora impegnata. E anche il momento nel quale ...

Nessun Commento »