Chiudiamo le Rsa. Ma per sempre

Contrastiamo la follia che ci conduce a una vecchiaia artificiale di solitudine e di non vita, impegnandoci a percorrere vie diverse, come in altri Paesi: convivenze, condomini protetti, comunità, domiciliarità

Di Enzo Bianchi

[articolo uscito su La Repubblica il 25 ottobre 2020]

In questi giorni di recrudescenza della pandemia non si può tacere un dramma vissuto da molti, benché sia il più possibile occultato. Un dramma carico di dolore e sofferenza, di fronte al quale è nostra responsabilità reagire, per quanto possibile, in modo da contrastare il male che colpisce persone, famiglie e convivenze. Un dramma che non osservo dall’esterno ma nel quale mi sono trovato coinvolto in prima persona.

Una persona a me familiare, vedova e senza figli, verso gli ottant’anni è stata colpita da demenza senile. Fino ad allora autonoma e piena di forze, seppur in una vita solitaria in casa, riusciva a vivere in pienezza relazioni con i vicini e i compaesani. Siccome nessuno poteva ospitarla, le si è provveduta una badante, ma la malattia, con manifestazioni anche violente, non permetteva questo tipo di assistenza. Così la si è dovuta per forza portare in una Rsa, dove però è peggiorata, sempre più estranea a questo mondo e, pur visitata da parenti, ha deciso di rifiutare il cibo fino a morire.

“Non si poteva far altro”, abbiamo detto tutti, con l’esperienza di aver accettato nei decenni precedenti questo cammino per molti dei nostri vecchi. Gli anziani sono ritenute persone che stanno per uscire dalla vita, e ad essi non solo non si riconosce più la saggezza dell’esperienza ma vengono considerati unicamente dal punto di vista demografico: quanto pesa la loro percentuale sulla società a livello medico; quale impegno comporta la loro assistenza; quale costo rappresentano per la società.

Molti sono soli, abbandonati, senza nessuno che li cerchi o li riconosca, invisibili e quasi senza nome, visto che nessuno più li chiama. In quest’ora di pandemia vivono la clausura e, nonostante quanto si è vissuto in primavera e la previsione della seconda ondata, nulla è stato approntato affinché l’isolamento potesse essere alleviato da possibili visite, in strutture apposite che permettano, senza il pericolo del contagio, di incontrarsi, vedersi, sorridersi e parlarsi.

E così la solitudine imposta diventa desolazione e ben presto disperazione. Sono queste le parole che ascolto più spesso da quegli anziani che mi telefonano dalle Rsa per sentire una voce amica. Forse perché ho molto ascoltato il grande teologo e visionario Ivan Illich, mio amico, ho sempre diffidato della “istituzione della carità”: non solo perché è una carità “presbite”, che demanda ad altri di stare vicino a chi noi teniamo lontano, ma perché istituzionalizzare orfani, malati e anziani significa ritenerli scarti, fuori dal giro della vita.

Abbiamo chiuso le case per malati mentali, abbiamo chiuso gli orfanotrofi: cerchiamo di chiudere presto anche le Rsa! Contrastiamo la follia che ci conduce a una vecchiaia artificiale di solitudine e di non vita, impegnandoci a percorrere vie diverse, come in altri Paesi: convivenze, condomini protetti, comunità, domiciliarità. Altrimenti succederà sempre più ciò che molti vecchi mi hanno confidato: chiedono di non venire più curati e di essere lasciati morire al più presto. Povera umanità!

Nessun Commento »
Storie
Chissenefrega dei matti /5
Recovery Di Allegra Carboni Anche negli Stati Uniti c’è stato qualche lodevole tentativo di mettere in discussione il modello manicomiale e le modalità con cui viene affrontato il disturbo mentale, qualche esperienza che ha cercato silenziosamente di capovolgere l’oggetto dell’attenzione ...

Nessun Commento »

Dalla stampa
C’era una volta la psichiatria militante
Di Maria Grosso [articolo uscito su il manifesto il 17 ottobre 2020] La messa in atto di una concezione differente e liberatoria del lavoro, non come fattore di espropriazione da sé ma al contrario come antidoto al disagio e al ...

Nessun Commento »

Punti di vista
È difficile andare avanti
Il tempo è cambiato, sono aumentati di numero e di qualità i siti che rappresentano aree e associazioni, tuttavia si fa fatica a immaginare una rete, si coglie una certa frammentazione, una certa sconoscenza fra i gruppi. Cosa possiamo ...

Nessun Commento »

Storie
La tenda canadese
Di Elena Cerkvenič L'esperienza di aver dormito nella mia tenda canadese con mio figlio era fantastica. L'aveva organizzata la psicologa E. che mi seguiva al centro di salute mentale di Domio. Un giorno, mentre mi trovavo al centro, mi si avvicinò, ...

Nessun Commento »

Dalla stampa
Per i malati mentali la giustizia italiana è quella di 90 anni fa
[Nell'immagine: Hendrik Pot, Il Carro dei folli, 1637] Di Massimo Cozza, psichiatra, direttore del dipartimento di salute mentale della Asl Roma 2 [articolo uscito su Il Domani il 20 ottobre 2020 e ripreso da ristretti.org] Il Regio Decreto 1399 del ...

1 Commento »

Punti di vista
Com’è stato il vostro lockdown?
Di Agnese Baini Prima ci hanno insegnato l’espressione “distanziamento sociale”, poi ci hanno detto che non potevamo più usarla. Bisognava preferire la dicitura “distanziamento fisico”. Una differenza lieve ma semanticamente fondamentale: mantenere un metro di distanza, non abbassare la mascherina per ...

Nessun Commento »

Segnali
Il gruppo di lavoro. Esiste ancora?
Di Peppe Dell'Acqua La pandemia sembra aver svelato i limiti, le miserie e le inadeguatezze delle politiche di salute mentale, e delle pratiche. Sono numerosi gli incontri dove operatori, ricercatori e cittadini attivi si interrogano sul che fare. Non tanto cosa ...

1 Commento »

Da leggere
Il sale e gli alberi. La linea curva della deistituzionalizzazione
«Anche nel campo della psichiatria abbondano gli intellettualismi e le ideologie. Ci sono, ad esempio, due strade che, a parole, si sono sempre dichiarate connesse l’una all’altra, ma che, in realtà, quasi mai si sono incrociate: la teoria ...

1 Commento »

Notizie
La Società Psicoanalitica Italiana e gli Stati Generali della Cura Psichica
[Illustration by Dadu Shin] Di Sarantis Thanopulos Sarantis Thanopulos, che conduce da anni questa Rubrica, amico caro e psicoanalista della Società Psicoanalitica Italiana, presenta in questo scritto le ragioni “forti” per le quali si candida a divenire nuovo ...

Nessun Commento »

Segnali
Gli Uffizzi nel manicomio criminale
Di Bruno Berti [articolo uscio su La Nazione] Da Opg a sede distaccata degli Uffizi: il futuro della villa dell’Ambrogiana La proposta arriva dal direttore della struttura fiorentina, Eike Schmidt. D’accordo il sindaco Masetti: «un cambio di ...

Nessun Commento »