Tornavo da Trieste. 4

Per una psichiatria gentile

di Emanuela Nava

Si guariva da Star Wars parlando di Star Wars.

-Comunque, tornando indietro, dopo la seconda iniezione mensile mia figlia sembrava che non delirasse più e non diceva neppure più di puzzare. I medici erano contenti, anche noi lo eravamo, stava bene: era guarita. A casa si festeggiava, anche a mia figlia grande era tornato il sorriso. E si progettava già di ripetere l’anno in un’altra scuola e di quel Narciso, che l’aveva fatta soffrire, non si parlava più.
leggi tutto »

Nessun Commento »
Buone e cattive pratiche
Ribadito a Parma che le Rems non sono Opg in sedicesima
Nella recente risoluzione, il Consiglio Superiore del-la Magistratura dice che le “Rems  assumono connotazioni del tutto differenti rispetto agli OPG”. (...) “La riforma ha, dunque, posto al centro del nuovo sistema i dipartimenti di salute mentale, divenuti titolari dei programmi ...

Nessun Commento »

Da leggere
Il futuro di una rivoluzione “gentile”
Occorre coraggio e capacità di ascolto Pietro Pellegrini* Il tema della creazione di un sistema che sostituisca gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (OPG), chiusi ope legis ad aprile 2015, una “rivoluzione gentile” così l’ha definita il commissario Franco Corleone, resta ...

Nessun Commento »

Notizie
Liberarsi dalla necessitĂ  degli ospedali psichiatrici giudiziari
Verrà presentato a Parma il 5 dicembre nel corso del convegno: “Processi e spazi di integrazione tra magistratura e dipartimenti di salute mentale nella comunità sociale” (vedi il programma), il libro Liberarsi dalla necessità degli ospedali psichiatrici giudiziari ...

Nessun Commento »

Dalla stampa
Le Miserie della “valorosa scuola sarda”. A Sassari, sei rinvii a giudizio
Imputati medici e docenti, tra i nomi illustri Nivoli e Lorettu di Nadia Cossu SASSARI. Sarà un processo davanti al tribunale collegiale a stabilire se realmente gli imputati abbiano esercitato tutto il loro potere per bloccare l’arrivo al traguardo di una allieva ...

Nessun Commento »

Storie
Dicembre 1978 Dacia Maraini intervista Giorgio Antonucci
Giorgio Antonucci è stato un medico e psicanalista italiano, punto di riferimento dell'antipsichiatria in Italia è nato nel1933 a Lucca, ed è morto lo scorso 18 novembre a Firenze. La conversazione "Gli istituti psichiatrici chiusi sono dei luoghi di tortura, delle ...

Nessun Commento »

Da leggere
La necessità di un buon TSO (che non è un ossimoro)
di Piero Cipriano La Collana 180 delle edizioni Alpha Beta Verlag è ormai preziosa. Peppe Dell'Acqua negli ultimi anni vi ha pubblicato saggi fondamentali per comprendere cos'è stata e cos'è la salute mentale in questo paese, paese così singolare ...

Nessun Commento »

Notizie
Napoli. I diritti fondamentali delle persone con disabilitĂ 
Nell’ambito del Forum Salute Mentale, dei movimenti e delle associazioni che, nella piazza aperta che il Forum vuole essere, si incontrano, si è venuto via via elaborando con il contributo di molti il Disegno di ...

Nessun Commento »

Da leggere
Viaggio di Antonia al termine del manicomio
di Francesca De Carolis Antonia Bernardini morì a 41 anni, bruciata viva sul letto di contenzione, nel manicomio giudiziario di Pozzuoli. Il giorno in cui moriva anche l’anno. Era il 1974. Muore dopo quattordici mesi di manicomio, quarantatré giorni consecutivi di contenzione. ...

Nessun Commento »

Buone e cattive pratiche
Le ragioni del Ddl. I diritti valore assoluto
Il disegno di legge 2850 intende conferire ulteriore efficacia ai principi della “legge Basaglia”, rilanciando l’attualità delle linee di fondo e ulteriormente valorizzandole nell’attuale contesto costituzionale, normativo e sociale. Non un’iniziativa legislativa di revisione. Nessuna delle disposizioni introdotte con questo disegno di legge modifica o integra il testo della l. 180/1978, fatta eccezione per la previsione di un’ulteriore garanzia sostanziale e processuale contro la disumana pratica della contenzione meccanica nei servizi psichiatrici. L’obiettivo che si propone di perseguire è quello di rilanciare l’applicazione della l. 180/1978, rafforzarne i contenuti di assistenza effettiva e universale sul territorio nazionale, confermare la portata di definizioni e principi che non meritano di mutare ma, al contrario, di essere sviluppati ed estesi. Viene pertanto garantita l’effettività del diritto alla salute, il quale, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità non è – conviene ricordarlo – “assenza di malattia”, ma si definisce come stato “psicofisico di benessere”.

Nessun Commento »

Storie
Tornavo da Trieste. 3
Per una psichiatria gentile di Emanuela Nava Alla fine è stata ricoverata, così non si poteva andare avanti, si rifiutava di prendere qualsiasi medicina che l’aiutasse a stare meglio. Ma il giorno in cui è stata portata al reparto di psichiatria, ...

Nessun Commento »