Resistere al tempo del coronavirus

Di Silva Bon, associazione Luna e l’Altra

Assaporare la lentezza

1.

Da molti giorni sono chiusa in casa, vivo sola e isolata tra le mie quattro mura domestiche. Ho cibo sufficiente per sopravvivere autarchicamente ancora per qualche tempo. Non indeterminato, però.

Le prescrizioni comportamentali dettate dal Governo come prevenzione e contrasto alla diffusione della pandemia del coronavirus mi obbligano a una clausura forzata che ha stravolto la mia vita.

Le mie abitudini quotidiane, soprattutto la socialità conquistata lentamente e a fatica, sono messe a dura prova. Resisto, mossa da una filosofia protettiva che spero possa diluirsi nel tempo, almeno per il tempo di quarantena che mi viene imposto.

Cerco di assaporare la lentezza, il tempo lungo delle giornate, la cancellazione della fretta e anche dell’ansia che certi impegni creavano in me. Un tempo libero ragionato, che cerco di riempire con piccoli, fragili gesti di cura della mia persona, di preparazione di pietanze semplici ma gustose, di godimento di certi angoli della mia casa, quasi riscoperti, ed ora vissuti con appagamento.

Non so se tutto questo è un rito narcisistico di autosufficienza. Perché ho bisogno anche di avere contatti col mondo esterno, e allora il telefono, il computer, il televisore sono media utili ed efficaci.

Sto cercando di vivere il più possibile serenamente, accettando, quello che devo fare comunque. Vivo alla giornata, paga del silenzio e della tranquillità apparente intorno a me, calata nella mia interiorità.
leggi tutto »

1 Commento »
Punti di vista
Riprendere discorsi abbandonati. Crisi e possibilità
di Amedeo Gagliardi C’è un gran silenzio in città in questi giorni. Anche l’aria sembra diventata più respirabile. In questo tempo dilatato oltremisura si aprono ampi spazi di riflessione, ma ricucire relazioni, provare a moltiplicarle, cercando di fare comunità e società, non ...

Nessun Commento »

Legge 180
L’evidenza della pratica
I Servizi di salute mentale, che nella migliore delle ipotesi si sono sviluppati nella comunità, nelle relazioni, nei contesti, e hanno fondato il lavoro di cura e di riabilitazione sulla socialità, sull'incontro, sull'esserci tutti, vivono oggi una profondissima ...

Nessun Commento »

Storie
Ada
Di Giada Cola, psicologa, Bergamo Quindici marzo. Fuori è scoppiata una pandemia che affanna i polmoni e riempie gli obitori di cadaveri. Sono così tanti che non si sa più dove metterli e la gente deve vegliare i propri cari in solitudine. Per strada la gente si accarezza con gli occhi. Curva le labbra sotto le ultime mascherine rimaste. Nel metro che separa gli uni dagli altri c’è un silenzio immobile, carico di gesti di affetto che è meglio tenere per sé ancora un po’. Intanto il Paese perde i suoi vecchi. Con loro se ne vanno il culto dei morti e le memorie più remote e tenaci, quelle che non hanno bisogno di parole per svelarsi.

3 Commenti »

Leggi e strumenti nazionali
Presentazione delle istruzioni operative SIEP
Mantenere la funzionalità della rete dei servizi territoriali, soprattutto quelli rivolti alle persone più fragili (persone con sofferenza psichica, con disabilità, con malattie a decorso protratto) è un impegno di carattere etico, oltre che una responsabilità di sanità pubblica, che ...

1 Commento »

Punti di vista
Salute mentale: servizi, individui e corpo sociale all’epoca del coronavirus
di Roberto Mezzina, già Direttore del Centro Collaboratore OMS, Dsm di Trieste 1 L’emergenza coronavirus ha necessariamente messo tutto il resto in secondo piano, condizionando e cambiando la nostra vita. Se la sanità in Italia è sottoposta a un grandissimo stress, ad ...

Nessun Commento »

Dalla stampa
Restiamo una conversazione
Intervista a Eugenio Borgna, di Valeria Pini [articolo uscito su la Repubblica] Meno liberi come in guerra ma l'ansia si vince con il tempo ritrovato Le città sono deserte. Nei rari casi in cui passa ...

1 Commento »

Dalla stampa
Le Musichall Live Torino, Basaglia Tango in Milonga@Le Musichall
[articolo uscito su Cronaca Torino] Il Teatro Le Musichall di Torino con il suo direttore artistico Arturo Brachetti lancia un messaggio d’amore per il teatro dalla pagina Facebook @LeMusichallTorino. Il teatro è vuoto ma entra gratuitamente nelle case con un ...

1 Commento »

Dalla stampa
Il Servizio Sanitario ha una madre: Tina Anselmi
Di Mila Spicola [articolo uscito su HuffPost] Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN), quello a cui in altri, ma soprattutto in questo momento, stiamo tutti dicendo grazie, quello che sta assicurando salute e coesione nazionale oggi come sempre, ma oggi con ...

1 Commento »

Dalla stampa
5 serie che affrontano la salute mentale
Di Lorenza Negri [articolo uscito su Wired] Da meno di un decennio il piccolo schermo ha iniziato a raccontare le patologie psichiatriche: in occasione del Panic Day, qui gli show migliori che hanno fatto dell’argomento il centro della narrazione. A ...

1 Commento »

Notizie
Rinvio dell’evento Città libere da contenzione
Alle associazioni, alle cittadine e ai cittadini aderenti all’appello Città libere da contenzione. Insieme si può In ottemperanza alle disposizioni governative del DPCM del 7 marzo in materia di contrasto e contenimento sull’intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus con validità ...

Nessun Commento »