Carta di Trieste, su quel documento così importante è calato il silenzio

di Carlo Muscatello (°)

Conosciamo la Carta di Treviso sulla tutela dell’infanzia, la Carta di Roma sul rispetto per i migranti, conosciamo altri documenti deontologici che i giornalisti si sono dati nel corso degli anni, ma poco o nulla sappiamo della Carta di Trieste. Si tratta di un “codice etico per i giornalisti e gli operatori dell’informazione sulle notizie concernenti cittadini con disturbo mentale e questioni legate alle salute mentale in generale”, che è stato redatto a Trieste, nel 2010, nello splendido parco di San Giovanni che un tempo ospitava un manicomio: quello dove si realizzò la “rivoluzione basagliana” che ebbe il suo approdo normativo nella Legge 180.
leggi tutto »

Nessun Commento »
OPG - Carcere
Chiudere gli OPG, superare le REMS: le proposte di Psichiatria Democratica per governare il cambiamento.
Premessa Le “Relazioni trimestrali sullo stato di attuazione dei programmi regionali relativi al superamento degli ospedali psichiatrici giudiziari” dei Ministeri della Salute e della Giustizia, consentono un certo monitoraggio del processo, anche se, per quanto tempestive, scontano un inevitabile ...

Nessun Commento »

Notizie
Napoli. Appello contro la barbarie: La pericolosità sociale e le misure di sicurezza
Università di Napoli “Federico II” - Corso di dottorato “Diritti umani. Teoria, storia e prassi”, presenta: Appello contro la barbarie: La pericolosità sociale e le misure di sicurezza ACADEMY ASTRA 28 MAGGIO 2015 – VIA MEZZOCANNONE 109 – NAPOLI Ore 17:00 Indirizzi di ...

Nessun Commento »

OPG - Carcere
Parte l’appello per l’abolizione della misura di sicurezza
Contro la barbarie della normativa vigente sull’internamento Il movimento “Società pericolosa”, composto da docenti e studenti dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, invita tutti allo spettacolo teatrale degli internati dell’Ospedale psichiatrico giudiziario di Aversa “Filippo Saporito”, e promuove una raccolta di firme finalizzata alla riforma delle misure di sicurezza e della “pericolosità sociale”.

Nessun Commento »

OPG - Carcere
StopOpg. Chiudere davvero gli OPG = più Servizi per la salute mentale e non Rems
Il 31 marzo 2015 è stata una data importante nella storia del nostro Paese con la conferma della “chiusura per legge” degli  Ospedali Psichiatrici Giudiziari. L'emanazione di un'ulteriore proroga della scadenza per la chiusura degli  Opg avrebbe interrotto un processo che in questi ultimi anni, pur tra mille difficoltà e ostacoli, dall’aprile 2011 ha dimezzato le presenze nei manicomi giudiziari: dalle 1.419 persone internate (1.323 uomini e 96 donne) siamo scesi a 698 presenze (623 uomini e 75 donne). Adesso bisogna chiudere davvero gli OPG ancora in funzione e al loro posto non devono aprirsi nuove strutture manicomiali. Perciò stopOPG continua la mobilitazione:

Nessun Commento »

Punti di vista
Giovani operatori a Pistoia: se noi per primi ci chiudiamo…
di Luca Monacelli (*) L’11 maggio sono stato all’incontro organizzato dal gruppo dei giovani operatori del Forum della Salute Mentale di Trieste e da Peppe Dell’Acqua e che come immaginavo, voleva essere una stazione di un viaggio organizzativo e non solo, verso Il congresso di Pistoia e poi oltre... Mentre il treno pacatamente raggiungeva Trieste pensavo a quali incontri, a quali parole avrebbero divelto ulteriori zone d’ombra presenti in me. A cosa mi sarei portato a casa per proseguire questa nostra storia così difficile e contraddittoria di ‘psichiatria basagliana’.

Nessun Commento »

Buone e cattive pratiche
Pistoia. Una scuola per la salute mentale
Di Peppe Dell’Acqua. Riprendo il suggerimento di Luigi Benevelli che invita a segnare all’ordine del giorno il problema della formazionedi formazione. Nelle facoltà di medicina, di psicologia, di infermieristica, di assistenza sociale e nelle scuole di specializzazione  e di riabilitazione psichiatrica è difficile trovare corsi, seminari, ricerche legati alla storia del cambiamento, alle possibilità di cura e di emancipazione che sono nate dalle prime porte aperte dell’ospedale goriziano. I riferimenti vengono cercati altrove, si studiano malattie, modelli di servizi, assetti sociali e politici che non tengono conto della scelta di campo che il nostro paese ha fatto abbandonando il modello manicomiale, restituendo diritti, e scommettendo sulle possibilità dei singoli. Ovunque si insegna La Psichiatria e ovunque domina la freddezza del paradigma medico, troppo spesso mutuato da assetti culturali e sanitari di altri paesi.

Nessun Commento »

Notizie
Lovere: La contenzione in psichiatria
...

Nessun Commento »

Contenzione
Asarp: “Basta legare, superiamo la contenzione.”
L’associazione dei familiari Asarp chiede all’assessore regionale alla salute Luigi Arru e alle ASL della Sardegna di mettere in pratica le raccomandazioni del Comitato Nazionale di Bioetica e di predisporre al più presto programmi finalizzati al superamento di ...

Nessun Commento »

Notizie
Festival dei Matti 2015- Sesta Edizione
Politiche/Poetiche 29-30-31 maggio, a Venezia www.festivaldeimatti.org Teatro Malibran Libreria Marco Polo Teatrino di Palazzo Grassi Hotel Saturnia Teatrino e parco Groggia Produzione ...

Nessun Commento »

Da applaudire
Padiglione 25: un docu-movie da sostenere
Venerdì 22 maggio alle ore 20,30, Ex OPG Occupato Je so pazzo, Napoli La produzione, gli autori e i testimoni di Padiglione 25 approdano a Napoli questo venerdì e vi aspettano presso l’ex OPG Occupato “Je so’ pazzo”, via Matteo Renato ...

Nessun Commento »