IO DIGIUNO perchè non devono tornare gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari

Per la Salute Mentale: uscire dalla logica manicomiale, diritti, doveri e cittadinanza.

Esprimiamo grande preoccupazione a proposito del testo di un comma del Disegno di Legge “Modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario” art. 1 comma 16 lettera d AC 4368, approvato al Senato e ora in discussione alla Camera AC 4368, che, se confermato, rischia di riaprire la stagione degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari (Opg). Viene infatti ripristinata la vecchia normativa disponendo il ricovero di detenuti nelle Residenze per le Misure di Sicurezza (Rems) come se fossero i vecchi OPG.
leggi tutto »

Nessun Commento »
Punti di vista
Riflessioni sulla salute mentale
di Donato Morena. “Dottore mio figlio fuma spinelli, ha cominciato a spacciare e non vuole saperne di smettere, al Sert non vuole andarci, dice che noi genitori non abbiamo capito niente della vita, possiamo fargli un ricovero in psichiatria?”. ”Mia figlia ...

Nessun Commento »

Notizie
Dalle lotte dei disoccupati organizzati dei “Banchi Nuovi” alla nascita del “Comitato di lotta per la salute mentale” – Napoli
di Adriano Coluccia INTRODUZIONE Questo lavoro che presentiamo nella forma di pubblicazione lo rivolgiamo alla attenzione di tutti coloro che dalla sua lettura possano trarre spunti riflessivi e pratici per un agire materiale e incisivo nel sociale. Sono tempi questi dove il fiorire di tante iniziative disseminate sul territorio nazionale fanno ben ...

Nessun Commento »

Da leggere
La trilogia di Piero Cipriano. Sperimentare il dubbio
Si apre all'insegna di Michel Foucault, George Orwell e Emmanuel Carrère il terzo libro che Piero Cipriano licenzia per Elèuthera. La società dei devianti. Depressi, schizoidi, suicidi, hikikomori, nichilisti, rom, migranti, cristi in croce e anormali d’ogni sorta (altre storie di ...

Nessun Commento »

Notizie
La precisazione del Vice Presidente Legnini del Consiglio Superiore di Magistratura sulla delibera Rems
[Qui il link de ilfattoquotidiano relativo alla nota ansa] "In merito alla nota dell'ansa relativa alle problematiche del superamento degli OPG, il CSM  precisa che quanto riferito in ordine al fatto che responsabili anche di gravi reati ...

Nessun Commento »

Notizie
Mentre i Radicali presentano in Parlamento la loro proposta, il Forum non può che dissociarsi
di Alessia de Stefano. Leggendo la presentazione della proposta di legge dei radicali italiani di modifica della legge 180 (vedi), scopro di avere capito molto poco delle regole che da dieci anni applico nei servizi di salute mentale. L’impianto normativo più volte elogiato dalla OMS sarebbe “fragile”, la tutela dei diritti del paziente del tutto inconsistente, il sindaco “figura ornamentale”. La soluzione passerebbe per un giudice tutelare, non più garante e supervisore ma diretto responsabile della emanazione della ordinanza di tso, per un avvocato che difenda il paziente proprio come una persona arrestata o fermata.

2 Commenti »

Notizie
Il manicomio dei bambini. Storie di istituzionalizzazione.
[Pubblichiamo un articolo di Monica Coviello pubblicato il 20 gennaio 2017 su Vanityfair] La storia di Angelo, rinchiuso in manicomio, a Villa Azzurra, Torino, quando aveva tre anni, è una delle otto raccolte da Alberto Gaino nel suo libro Il ...

Nessun Commento »

Buone e cattive pratiche
Cantiere salute mentale 9. Inventare le istituzioni
di Piero Cipriano … ricordo un’infermiera che lavorava nella mia equipe, e che sul finire degli anni ‘70 evidentemente era accorsa con centinaia di altri volontari a Trieste, che mi racconta di una discussione, a dir poco animata, tra Rotelli e ...

Nessun Commento »

Parole che aiutano e parole che feriscono
La narrazione alimenta la psicosi
[Pubblichiamo una riflessione di Simona Vinci, già autrice de "La prima verità", sui fatti di Budrio.] L'ultima settimana, nel nostro territorio, non è stata facile. Non è stato facile apprendere di un brutale omicidio avvenuto in un locale che da sempre veniva considerato come un'oasi di tranquillità, uno di quei posti sonnacchiosi e quieti dove si va a prendere un caffè e mangiare un panino semplice, come quelli di una volta, senza mode alimentari e presentazioni fantasiose, niente happy hour, niente fronzoli, quattro vecchi che giocano a carte, lavoratori di passaggio che mangiano un boccone, clienti abituali che comprano le salsicce passite e fan venire l'ora di tornare a casa. Eppure, è successo. E Budrio è finita sulle cronache di tutti i quotidiani e di tutti i tg per un fatto di sangue che nulla ha dell'ordinario, neanche volendo considere come "ordinari" i furti in casa, i tentativi di scasso nei bar o nei negozi con le serrande abbassate - che ovvio, ogni tanto capitano, ma da qui a farne la norma e la quotidianità ce ne passa.

Nessun Commento »

Notizie
Il Tso. Punto delicatissimo di equilibrio tra il ciittadino, lo stato e la garanzia della cura (Video)
Da tempo il Forum denuncia l’assenza dello stato, il fallimento di politiche regionali coerenti per la salute mentale, il declino dei servizi di salute mentale comunitari, l’inconsistenza delle scuole di formazione, la sottrazione ormai  drammatica delle risorse. Fino a quando il governo vorrà abusare del nostro silenzio e di chi non ha voce?  Fino a quando continueremo, tutti, a tacere?

Nessun Commento »

Buone e cattive pratiche
La nota di Marco Cavallo. Paolo, la Pazza Gioia e la psichiatria romana
A Roma da qualche anno c’è “Lo spiraglio”, festival del cinema sulla salute mentale. Lo so perché qualche anno fa mi hanno invitato. Era il momento del viaggio negli Opg. Tutti a farmi i complimenti e io a dire: ma ...

Nessun Commento »