Incontrollabili e incontrollate

Di Agnese Baini, dottoressa in Storia del libro, Università degli Studi di Udine

«È un fatto universalmente noto che uno scapolo provvisto di un cospicuo patrimonio non possa fare a meno di prendere moglie»[1]. Questo è il famoso incipit di Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen. Vi chiedo ora di fare un piccolo esercizio: se invece del maschile “scapolo” vi fosse scritto “zitella”, quale sarebbe il fatto universalmente noto? C’è una forte dissimmetria e una differente connotazione tra l’idea di autonomia e di indipendenza declinata al maschile o al femminile. Questa è solamente la prima delle tante riflessioni che mi ha suscitato il libro Luride, agitate, criminali [2](Carocci editore) di Candida Carrino. Il volume è la sintesi di una ricerca sulle cartelle cliniche delle internate dell’ospedale psichiatrico Santa Maria Maddalena di Aversa (Caserta); questo è l’ultimo nome con cui la struttura è stata conosciuta, fino alla sua chiusura nel 1999, ma iniziò la sua carriera, nel 1813, con il più poetico “Reale Casa de’ matti”.

Carrino si muove all’interno dell’archivio dell’ex ospedale psichiatrico, studiando le cartelle cliniche e le storie in esse contenute. È un’azione interessante provare a ridare forma ad una persona dietro le pagine compilate, dove c’è scritto ciò che il medico voleva vedere e non ciò che la possibile internata avrebbe voluto raccontare. Per esempio, c’erano segnalati altri casi di pazzia in famiglia oppure azioni “anomale” compiute in passato; le cartelle cliniche non contengono dunque solo ciò che è accaduto dentro il manicomio ma anche quello che è accaduto fuori e prima. Già qua c’è un’ulteriore dissimmetria: è lo sguardo di un medico maschile che guarda il corpo femminile per trovare la follia (la principale diagnosi, con 302 casi, è per “malinconia/stato depressivo/psicosi maniaco-depressiva”), nonostante Camilla Restellini Bassanesi – di cui parlerò più avanti – chiese, nel 1947, che vi fosse «una medichessa»[3]all’interno della struttura.
leggi tutto »

Nessun Commento »
Notizie
Diritti, libertà e servizi: verso la Conferenza Nazionale per la Salute Mentale
180amici L'Aquila, associazione per la tutela della salute mentale, organizza per il 20 e 21 maggio a L'Aquila una giornata per dialogare tra associazioni ed istituzioni sullo stato delle politiche e dei servizi per la salute mentale declinati sul territorio, nel corso di una giornata che vuole rappresentare la tappa ...

Nessun Commento »

Notizie
Cagliari e Sassari verso la Conferenza Nazionale per la Salute Mentale
Due appuntamenti per discutere di Politiche sanitarie e diritti a 40 anni dalle riforme del 1978, a partire dal numero 2/2018 della rivista delle Politiche Sociali. Entrambe le iniziative fanno parte del calendario della Conferenza Nazionale per la Salute ...

Nessun Commento »

Da leggere
Le nostre oscillazioni. Filosofia e follia
Il nuovo libro di Pier Aldo Rovatti in anteprima al Festival Vicino/Lontano domenica 19 maggio e alla rassegna Rose Libri Musica Vino venerdì 24 maggio.

Nessun Commento »

Notizie
Prima lezione Agostino Pirella
Questo era il reparto agitati del manicomio di Arezzo. Adesso è pieno di giovani studenti. Nessuno poteva immaginare all'epoca che un posto di dolore e di violenza un giorno sarebbe diventato un luogo di cultura e di pace. Noi ci abbiamo ...

Nessun Commento »

Notizie
Carcere e salute mentale: tappa lombarda verso la Conferenza Nazionale
In vista della Conferenza Nazionale per la Salute Mentale del 14 e 15 giugno 2019 a Roma ed in preparazione del nuovo Piano Regionale per la Salute Mentale (PRSM), Campagna per la Salute Mentale (CSM) e Forum del Terzo ...

Nessun Commento »

Notizie
X Festival dei matti: Gli anni. Legami di generazioni
Gli anni è il titolo di uno straordinario libro di Annie Ernaux, un romanzo-mondo, come ha detto qualcuno, in cui privato e collettivo scivolano e si confondono l'uno nell'altro, il memoir di un'epoca e quello di una vita che ne ...

Nessun Commento »

Notizie
La salute mentale in Romagna: tappa verso la Conferenza nazionale
Il Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze Patologiche dell'Azienda USL di Ravenna promuove la giornata di studio La salute mentale in Romagna, tappa verso la Conferenza Nazionale per la Salute Mentale che si svolgerà a Roma il 14 e ...

Nessun Commento »

Buone e cattive pratiche
Infermieri legati…e tu slegali subito!
Di Livia Bicego, Dirigente Infermieristica, per la Rete multiprofessionale del FVG impegnata dal 2006 nella lotta alla contenzione Il 13 aprile 2019 l’Infermieristica Italiana ha perso un’occasione storica Il Nuovo Codice deontologico dell’Infermiere approvato dal Comitato centrale della Federazione e dal Consiglio nazionale degli Ordini delle Professioni infermieristiche riuniti a Roma nella seduta del 12 e 13 aprile 2019  presenta, in tema di Contenzione, il seguente articolo: « Art 35 – Contenzione. L’Infermiere riconosce che la contenzione non è atto terapeutico. Essa ha esclusivamente carattere cautelare di natura eccezionale e temporanea; può essere attuata dall’equipe o, in caso di urgenza indifferibile, anche dal solo Infermiere se ricorrono i presupposti dello stato di necessità, per tutelare la sicurezza della persona assistita, delle altre persone e degli operatori. »

Nessun Commento »

Notizie
LuogoComune: come l’alterità viene posta ai margini della società
L'organizzazione studentesca Universitas dell'Università degli Studi di Padova promuove LuogoComune, progetto che nasce dalla necessità di condividere e riflettere criticamente sullo stato attuale della differenza, senza sottovalutarne la complessità, per creare uno spazio di dialogo in cui approfondire le ...

Nessun Commento »

Notizie
Apre il cantiere
Si avvicina la conferenza nazionale. Il cantiere salute mentale ritorna in Parlamento. Il Disegno di legge “Disposizioni in materia di tutela della salute mentale volte all’attuazione e allo sviluppo dei principi di cui alla legge 13 maggio 1978, n. ...

Nessun Commento »