Chi non ha, non è

Di Daniele Piccione

La scomparsa di Sergio Zavoli ingenera un senso di smarrimento in chi l’ha conosciuto. Ne discende il senso di una perdita aggravata da un rilievo che è spia della sua statura di spettatore di un secolo di storia italiana.

Il fatto è che non sarebbe agevole scegliere la fonte primaria del debito di cultura che i lettori e gli spettatori italiani hanno contratto nei suoi riguardi. Le serate incollati a capire a fondo e a rivivere la lunga e aspra stagione del terrorismo hanno segnato molti ragazzi della mia generazione. E resta indelebile nella memoria la lunga e insistita intervista a Giusva Fioravanti, con quel finale crudo e sconvolgente.

Eppure, qualcosa che ho sempre amato più del resto c’è. Nasce con quell’auto che varca le mura dell’ospedale psichiatrico di Gorizia e svela la realtà di chi vive l’esperienza del disturbo mentale, a milioni di italiani. I Giardini di Abele sarebbero di lì in poi rimasti fluttuanti nella coscienza di un popolo. Zavoli si era schierato, mobilitando la forza emotiva, lo sdegno ma anche la curiosità del nuovo che molti avrebbero trattenuto dentro di sé per anni.

Nell’intervista a Franco Basaglia, nelle domande rivolte agli internati e nelle stesse parole di Sergio Zavoli c’era un piccolo seme della liberazione che sarebbe poi seguita. Per quanto potesse sembrare transitoria e puntiforme l’alleanza di Zavoli con la causa della liberazione dal manicomio e con il compito umanitario di trasformare la psichiatria in tutela della salute mentale, gli anni ne avrebbero rivelato un persistente impegno per la causa di chi soffre psichicamente.

Eccolo, allora assecondare con un sorriso dolce una proposta che, nel 2014, gli prospettammo con gioia e con la minima titubanza che sempre l’autore di un libro reca con sé. Quando gli domandammo di scrivere l’introduzione de Il pensiero lungo. Franco Basaglia e la Costituzione, accettò subito.

Il suo testo non si fece attendere e a rileggerlo, ancora adesso, è un salutare tuffo in un impegno che si rivela costante in Zavoli. Un filo che lega i suoi anni splendenti in cui diffonde e sparge un senso inedito di televisione sociale di una potenza abbagliante e l’ultima parte della sua vita, quando intorno alla sua persona si scorge l’aura del mito e dell’ammirazione partecipata. C’è un’immagine e una frase che, secondo noi, spiegano il senso di Sergio Zavoli per la battaglia campale in favore della libertà di chi soffre del disturbo mentale. È quella in cui Zavoli intervista Franco Basaglia e ne cattura il discorso in una battuta fulminante che rimarrà tra le più intense dei Giardini di Abele. Dice Basaglia che la posizione dell’internato si riassume in un proverbio calabrese, terribile nella sua efficacia: chi non ha, non è.

È il segno dello stigma imposto dall’agiatezza contro la povertà, la discriminazione alimentata da uno squilibrio di potere. Un decisivo tornante del pensiero basagliano da cui si snoda la comprensione della malattia mentale come questione sociale, la necessità stringente dell’integrazione contro l’esclusione e la segregazione. Zavoli coglie tutto questo e lo porta nei tinelli di un’Italia che spesso non sa, non può immaginare la condizione dei suoi “fratelli” internati, allontanati allo sguardo.

Uno potrebbe pensare che quest’intuizione di Zavoli resti isolata in quegli anni, nella cronaca di una grande ed indimenticabile avventura di cui Gorizia, poi Parma, Trieste e la riforma nazionale furono le tappe sofferte di un’irripetibile riammissione alla dignità per tante persone prima di allora scartate e gettate via.

E invece non era così.

Non fu fugace e isolata la passione di Sergio Zavoli per una delle grandi questioni agitate nel secondo Novecento italiano, quella del trattamento del folle e dell’umanizzazione del suo mondo e del suo orizzonte di vita. Lo dimostra la prefazione che qui riproponiamo. È scritta nel 2014 e vide Zavoli caparbio e brillante nell’aiutare a far girare e leggere il libro. Assistemmo a questo suo peregrinare a Parma per presentare il libro e poi lo si vide apparire in videoconferenza, a Trieste, in una serata indimenticabile, cui lui si prestò pur afflitto dalla febbre.

Oggi che non c’è più, riteniamo di ricordarlo, riproponendo qui il testo fulminante e colto di quella sua struggente prefazione.

Nessun Commento »
Storie
La fatica di mettersi in gioco
Di Silva Bon Intervento all’incontro Quali forme di Educazione emancipativa e del favorire Autoeducazione emancipativa è opportuno promuovere oggi in relazione alla Salute Mentale? Aiello del Friuli, 6 agosto 2020 Penso che possiamo parlare solo ...

Nessun Commento »

Notizie
Accorpando accorpando
Il grido di dolore dei compagni di Bari si unisce al coro delle ormai tantissime situazioni locali dove le miserie dei Dipartimenti di salute mentale, la distanza delle direzioni aziendali e la superficialità delle politiche regionali continuano a ...

Nessun Commento »

Storie
Ma a lei, dottor Basaglia, interessa più il malato o la malattia?
Di Lorenza Magliano Mi dispiace per Sergio Zavoli che ogni anno, insieme alla cara Giulia Lazzarini, mi aiuta a introdurre gli studenti del corso di psichiatria al manicomio che ufficialmente in Italia non c’è più. Sergio Zavoli, voce fuori campo e quel ...

Nessun Commento »

Dalla stampa
Covid e salute mentale. Mai più manicomi
Di Stefano Cecconi [articolo uscito su il manifesto] L’emergenza da coronavirus ha prodotto pesanti conseguenze sulla vita di tutti i cittadini e la crisi economica e occupazionale che si profila alimenterà i danni sociali. Effetti certamente più gravi per le persone ...

2 Commenti »

Contenzione
Morì legato al letto nel Spdc di Sassari. Sempre assolte le psichiatrie sarde
Di Franco Ferrandu [articolo uscito su unionesarda.it] Per la Procura di Sassari la morte di Paolo Agri, legato nel letto del reparto di Psichiatria del Santissima Annunziata, è avvenuta per cause naturali. Un evento imprevedibile che non necessita di ulteriori ...

1 Commento »

Dalla stampa
Inaugurato il Centro salute mentale di Portogruaro dopo il restauro
[articolo uscito su veneziatoday.it] Gli interventi sono cominciati ad ottobre 2019. Investiti circa 300mila euro per adeguare le strutture anche ai nuovi standard di approccio con i pazienti Gli spazi sono stati ridistribuiti per rendere la struttura più ...

1 Commento »

Notizie
Da vicino nessuno è disabile
Riuscite a immaginare un museo senza Van Gogh o Ligabue? La musica sarebbe più povera senza Beethoven o Django Reinhardt. E la letteratura? La nostra cultura senza Omero. Sono mondi dove, seppur con fatica, le persone con disabilità sono state integrate, ...

Nessun Commento »

Dalla stampa
Meno personale, posti letto e ricoveri, mentre salgono accessi a Pronto soccorso e spesa per antidepressivi
Di Luciano Fassari [articolo uscito su quotidianosanita.it] I dati sono riferiti al 2018 ma forniscono comunque un quadro certamente non positivo. Quasi 2mila unità di personale persi in un anno. Diminuisce la disponibilità di posti letto. Aumenta il ...

Nessun Commento »

Notizie
La contenzione meccanica: percorsi e strumenti per il suo superamento
Legacoopsociali e la campagna nazionale per l’abolizione della contenzione …E tu slegalo subito, con il supporto della Conferenza Nazionale per la Salute Mentale, promuovono il webinar La contenzione meccanica: percorsi e strumenti per il suo superamento, che si terrà martedì ...

Nessun Commento »

Da leggere
Franco Basaglia. La nuova edizione della biografia a cura di Mario Colucci e Pierangelo Di Vittorio
Di Paolo F. Peloso [articolo uscito su psychiatryonline.it] È senz’altro una buona scelta quella dell’editore Alphabeta Verlag di ripubblicare vent’anni dopo, nell’avvicinarsi del 40esimo anniversario della morte, nella Collana 180 il volume Franco Basaglia di Mario Colucci e Pierangelo di ...

1 Commento »