Ai confini dell’anima – I greci e la follia

ai confiniNella Grecia delle origini la follia non fu solo malattia, ma mezzo per forzare i limiti dell’anima e dilatare la personalità. Faceva parte dell’esperienza religiosa, stava alla base dell’attività di profeti e persino di politici, era la voce degli oracoli. C’era metodo in quella pazzia: ispirava poeti e cantori, né mancavano culti estatici, come quello di Dioniso, in cui gli adepti avevano esperienze visionarie, come tuttora avviene nei riti di possessione diffusi in numerose altre civiltà. In Grecia i pazzi non venivano reclusi; piuttosto la società era capace di modellare la follia al proprio interno, sfruttandola in modo creativo. Questo libro, il primo in italiano a delineare una storia della pazzia nell’antichità,mostra quanto la stessa civiltà dell’Occidente debba alla non-ragione.

Giulio Guidorizzi insegna Teatro e drammaturgia dell’antichità all’Università degli Studi diTorino. Ha dedicato anni allo studio dell’antropologia del mondo antico; ha curato, tra l’altro, le traduzioni commentate della Biblioteca di Apollodoro e dei Miti di Igino per Adelphi e il primo volume di Il mito greco per i “Meridiani” Mondadori (2009).

Giulio Guidorizzi

Raffaello Cortina editore, 2010

Allegati

Articoli Correlati:

Share

Un Commento a “Ai confini dell’anima – I greci e la follia”

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo