Aversa: morire in OPG

¬†Napoli, 30 dic. (Ansa)¬†- Un detenuto e’ morto nell’ospedale psichiatrico giudiziario ‘Filippo Saporito’ di Aversa (Caserta). Si chiamava Pierpaolo Prandato, aveva 45 anni, e secondo la motivazione ufficiale e’ deceduto perche’ ‘’soffocato da un rigurgito”. Il decesso risale al 21 dicembre scorso, ma solo oggi se ne e’ avuta notizia, per volonta’ della famiglia. Lo rendono noto in un comunicato i Radicali Italiani, le associazioni Il detenuto ignoto, Antigone, A buon diritto e leredazione di Radio carcere e Ristretti orizzonti. Con questo nuovo decesso, scrivono, salgono a 175 i morti in carcetre in Italia dall’inizio anno, di cui 72 suicidi. Per accertare le cause del decesso, il magistrato ha disposto l’autopsia. Nella nota, viene riportata un commento da parte di Maria Bertilla, sorella minore del detenuto deceduto: ”Lo sentivo pertelefono ogni settimana – afferma la donna -. Avevamo deciso diandarlo a trovare a Natale, non avremmo mai immaginato una simile tragedia, anche perche’ sembrava aver recuperato, sia fisicamente che moralmente, se stesso”. Pierpaolo Prandato, ricostruiscono nella nota le fonti, da piccolo aveva avuto due crisi cardiache piuttosto gravi che l’avevano privato per alcuni secondi di ossigeno al cervello, minando in parte la sua salute mentale. Era caduto nell’alcool e nella droga, una discesa negli abissi che ha avuto l’apice il 7 maggio 2008 quando, in un solo giorno, a San Bonifacio e’ riuscito a commettere 12 tra reati e illeciti amministrativi, fra i quali molestie sessuali a una donna. Al processo era stato giudicato non imputabile perche’ incapace di intendere e volere al momento dei fatti, e condannato a scontare quattro anni in un ospedale psichiatrico giudiziario.

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo