Caso Mastrogiovanni:udienza del 2 ottobre 2012

Vallo della Lucania (Salerno), 2 ottobre 2012 -

Al Tribunale di Vallo della Lucania, nel pomeriggio, come fissato, puntuale come sempre riprende, dopo la pausa estiva, il processo contro i sei medici e i dodici infermieri del reparto di psichiatria dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania, imputati per la contenzione di novanta ore e la conseguente morte del maestro elementare di Castelnuovo Cilento, Francesco Mastrogiovanni, avvenuta la notte tra il 3 e 4 agosto 2009 per edema polmonare in una stanza-cella dell’ospedale di Vallo della Lucania.

L’aula del tribunale è strapiena. Mancano cinque medici, tranne il dott. Michele Della Pepa, assenti anche 4 infermieri. Solo tre giornalisti riescono a trovare un posto ai tavoli degli avvocati, gli altri svolgono il proprio lavoro in piedi tra il pubblico.

All’inizio si sparge la voce che il giovane e combattivo avv. Michele Capano, subentrato in via definitiva nel collegio difensivo in rappresentanza del Movimento per la Giustizia Robin Hood, costituitosi parte civile insieme ad altre tre associazioni (Unasam. Telefono Viola e Movimento Antipsichiatria), intenda ricusare il PM, Dr. Renato Martuscelli, che in un processo del 1999 fece condannare il «noto anarchico» per aver contestato una multa per divieto di sosta a tre anni di reclusione, poi assolto e risarcito dalla Corte d’Appello di Salerno.

Alle 14,40 il PM prende la parola per la requisitoria. Dichiara subito di non gradire la stampa: «Siamo all’epilogo – esordisce – malgrado il clamore e la cappa mediatica». Dice che intende accertare la veritĂ  sottoponendosi alla legge. Parla della «morte tragica di un insegnante» e di «una vicenda complessa che sfocia in una morte eclatante» e anticipa di aver diviso la sua arringa in sei punti. Dice che il compito del PM è quello di fare da apripista e perciò oltre che della personalitĂ , parlerĂ  anche della posizione sanitaria e infine della morte e della individuazione delle responsabilitĂ , ribadendo che sono personali.

Inizia ponendo subito sul banco degli imputati non gli accusati, ma il morto, ovvero la vittima, dilungandosi a leggere acriticamente prima la relazione del tenente dei vigili del comune di Pollica e poi quella dei carabinieri di Pollica, che sono esattamente simili. Mastrogiovanni viene descritto come un violento (scorribande per le strade di Acciaroli, sguardo assente e perso nel vuoto, lancio di pietre) dalle espressioni volgari nei confronti della Dott.ssa Maria Luisa Di Matteo. Quando legge la parola anarchico la pronunzia con scandalo come se fosse la peggiore del vocabolario italiano. Sottolinea che Mastrogiovanni intonava canti contro il governo (durante il fascismo molti oppositori furono condannati pesantemente proprio con l’accusa, spesso inventata, di aver cantato canti popolari e sovversivi).

Dimentica che è stato catturato in maniera irregolare con un’ordinanza emessa prima dell’arrivo dei sanitari e in comune diverso da quello del sindaco che richiede il TSO. Anzi quando il 4 ottobre 2011 fu interrogata la teste Licia Musto sulla cattura disse che «il fatto è irrilevante », mentre oggi è diventato centrale nell’arringa e gli dedica molto tempo. Spiega la legge sul TSO e ricorda che il paziente conserva sempre tutti i suoi diritti. . Sottolinea che Mastrogiovanni ha subito un TSO nelle estati del 2003 e del 2005

Legge la cartella clinica e dice che il dott. Rocco Barone non annota la contenzione solo per dimenticanza e riconosce che il video è «una prova atipica». Cita il regio decreto del 1909 e l’art. 60 della Legge Basaglia che vietano la contenzione. Parla di contenzione blanda e ricorda che il paziente è stato frequentemente sorvegliato perché un infermiere ha dichiarato di essere passato accanto al suo letto per ben sessanta volte. Afferma che la responsabilità della cartella clinica è soprattutto del primario ma tutti i medici devono ritenersi responsabili della mancata annotazione della contenzione, riconoscendo che il primario era ben consapevole della contenzione di Mastrogiovanni. Prende in esame le ipotesi della morte di Mastrogiovanni, i suoi consulenti hanno parlato di edema polmonare, altri di morte improvvisa e propende per la morte dovuta ad infarto perché non è stata una morte improvvisa né è dovuta ai mezzi di contenzione, anche se la contenzione e la denutrizione hanno contribuito all’edema polmonare. Parla di colpa professionale e afferma che il primario ha l’obbligo di controllare il comportamento dei medici, i quali sono caduti in un «errore marchiano » perché non hanno rilevato l’infarto in atto nella mattinata del 3 agosto e dovevano far trasferire il paziente nel reparto cardiologico. Riconoscendo infine la scarsa assistenza medico e igienica formula le richieste dell’accusa.

Due ore e 15 minuti di requisitoria per chiedere una condanna inadeguata e non proporzionata ai delitti per i quali i sei medici e i dodici infermieri sono sotto processo: riconosciute le attenuanti generiche per il reato di falso in cartella chiede per il primario dott. Michele Di Genio un anno e quattro mesi di reclusione e un anno e due mesi per i dott. Rocco Barone, Raffaele Basso, Amerigo Mazza, Michele Della Pepa e Anna Angela Ruberto; respinge per tutti il reato di sequestro di persona e ne chiede l’assoluzione. Per l’omicidio colposo previsto dall’art. 589 del CP, riconosciute le attenuanti generiche, chiede 3 anni di reclusione per il primario dott. Michele Di Genio, 2 anni e 6 mesi di reclusione per i dott. Rocco Barone, Americo Mazza; per la dott.ssa Anna Angela Ruberto, in servizio la notte della morte di Mastrogiovanni, chiede la condanna a 2 anni e 7 mesi di reclusione. Solo per 6 infermieri colpevoli di omicidio colposo – Antonio De Vita, Alfredo Gaudio, Antonio Luongo, Nicola Oricchio, Raffaele Russo, Antonio Tardio – chiede due anni di reclusione. Per l’omicidio colposo per non aver commesso il fatto chiede l’assoluzione di due medici Raffaele Basso e Michele Della Pepa, della caposala Maria D’Agostino Cirillo e degli infermieri Juan JosĂ© Casaburri, Maria Carmela Cortazzo, Giuseppe Forino, Massimo Minghetti e Massimo Scarane Massimo Scarano.

Anni prima Mastrogiovanni per una contestazione ad una multa per divieto di sosta fu condannato a 3 anni! Si sa: è molto più grave una contestazione che l’omicidio di un maestro del quale nello stesso giorno della requisitoria del PM sarebbe ricorso il compleanno.

Il processo proseguirĂ  il 16 e il 17 ottobre con le arringhe dell’avvocato Caterina Mastrogiovanni e delle parti civili, avv. Michele Capano (Movimento per la Giustizia Robin Hood), Gioacchino Di Palma (Telefono Viola), Valentina Restaino (Unasam) e Anna Russo (Comitato Iniziativa Antipsichiatria)

Le arringhe dei difensori degli imputati si terranno il 22 e il 24 ottobre; il 29 ottobre sono previste le repliche mentre la sentenza sarĂ  pronunziata il 30 ottobre 2012 dal presidente del Tribunale, Dr.sa Elisabetta Garzo.

Il Comitato VeritĂ  e Giustizia per Francesco Mastrogiovanni

Vincenzo Serra, Giuseppe Tarallo, Giuseppe Galzerano

Per ulteriori informazioni, si può telefonare a

Vincenzo Serra, 0974.2662

Giuseppe Galzerano, 0974.62028

Giuseppe Tarallo, 0974.964030

www.giustiziaperfranco.it postmaster@giustiziaperfranco.it

NOTIZIE VARIE:

Il processo è stato seguito dai seguenti giornali:

Vincenzo Fiorillo per IL FATTO,

Giuseppe Galzerano per IL MANIFESTO,

Lorenzo Peluso per il CORRIERE DEL MEZZOGIORNO,

Carla Petromilla per IL MATTINO,

Nicola Salati per METROPOLIS,

Marianna Vallone per IL GIORNALE DEL CILENTO,

? per LA CITTA’

Carmela Di Santi per l’emittente TG Set

Gigi Pastore per l’emittente UNO TV

Una postazione MEDIASET, presente all’ingresso del Tribunale, ha mandato in onda in diretta diversi servizi.

Il MOVIMENTO PER LA GIUSTIZIA ROBIN HOOD ha emesso il seguente comunicato-stampa:

Oggetto: udienza Vallo della Lucania, omicidio preterintenzionale Francesco Mastrogiovanni

La Segreteria di Avvocati senza Frontiere, mentre è ancora in corso la requisitoria, rende noto che, a seguito della mancata astensione del P.M. Renato Martuscelli che ha ignorato la richiesta del difensore della Onlus Movimento per la Giustizia Robin Hood, costituita parte civile con l’Avv. Michele Capano del Foro di Salerno, ha inviato un circostanziato esposto al C.S.M. e al Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Salerno per procedere in sede disciplinare nei confronti del P.M. Dr. Martuscelli e per valutare la rilevanza penale delle gravi e molteplici violazioni procedimentali che si sono verificate nell’ambito del processo in corso da oltre tre anni.

Dopo aver sottoposto ad attenta disamina lo svolgimento del processo, nonchĂ© le attivitĂ  svolte dalle parti, i legali dell’Associazione si sono resi conto dell’intollerabile assenza del P.M. che in spregio alle sue funzioni istituzionali ha assunto in maniera sfacciata, senza mezzi termini, la difesa degli imputati, cercando di minimizzare le gravi responsabilitĂ  degli stessi, rivolgendo, viceversa, le proprie attivitĂ  d’accusa nei confronti della vittima, nel precipuo scopo di alleggerire le condotte dei medici e del personale ospedaliero, nonchĂ© delle stesse forze dell’Ordine che hanno eseguito con modalitĂ  illegittime il brutale fermo di una persona assolutamente sana di mente e pacifica che implorava di non venire portato presso il lager psichiatrico del San Luca di Vallo della Lucania, preavvertendo con grande luciditĂ  che sarebbe stato ucciso.

A riguardo, i legali di Avvocati senza Frontiere hanno ricordato la pregressa attività persecutoria del P.M. nei confronti del maestro elementare, Francesco Mastrogiovanni, rimasto vittima dell’omicidio preterintenzionale avvenuto presso il reparto psichiatrico dell’Ospedale San Luca di Vallo della Lucania il 4 agosto 2009, quando il povero Mastrogiovanni, era ancora in vita, ottenendo, già anni orsono, la misura cautelare della custodia in carcere per oltre 9 mesi, per fatti consimili del tutto insussistenti di pretesa “resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale”, dai quali l’odierna vittima è stata assolta con formula ampia e condanna dello Stato Italiano, da parte della Corte Europea di Strasburgo per l’ingiusta detenzione.

L’esposto prosegue denunciando l’anomalo comportamento endoprocessuale e assoluta inerzia investigativa del P.M. Martuscelli anche nel connesso procedimento R.G.N.R. 1799/09, nell’ambito del quale ha chiesto nelle scorse settimane l’archiviazione nei confronti dei medici che avevano disposto il TSO di Mastrogiovanni, risultando evidentemente incompatibile e impensabile che possa sostenere oggi la Pubblica Accusa, sostituendo l’originario P.M. che aveva svolto in maniera ineceppibile le indagini e disposto i rinvii a giudizio.

Ciò non bastando, anche le stesse condotte endoprocessuali tenute dal Dr. Martuscelli nel corso del dibattimento hanno rivelato da un lato la sua parzialitĂ , animositĂ  e acrimonia avverso il defunto Mastrogiovanni, nei cui confronti addirittura infieriva spingendo i testimoni, contro la loro stessa volontĂ , ad esprimere aneddoti negativi e inconferenti il procedimento, e dall’altro la sua totale inerzia come organo inquirente che nemmeno ha sollevato eccezione di inammissibilitĂ  della teste Dr.ssa Di Matteo indagata nel parallelo procedimento connesso R.G.N.R. 1799/09 R.G.GIP. 1929/10, giungendo ad omettere di richiedere l’acquisizione del video integrale delle 83 ore di tortura con mani e piedi legati, senza acqua nè cibo, da cui potevano ravvisarvi la presenza del primario che il P.M. invece ha sostenuto in ferie.

Ragioni per cui vi sono fondati motivi per ritenre che ne richiederĂ  l’assoluzione e pene miti nei confronti dei terzi imputati aventi causa.

Il testo integrale dell’esposto sarĂ  disponibile sul sito www.avvocatisenzafrontiere.it

Per saperne di piĂą e vedere

http://www.lavocedirobinhood.it/Articolo.asp?id=201&titolo=T.S.O.: CURA O TORTURA? ASSASSINIO MASTROGIOVANNI. LA LEGGE BASAGLIA 32 ANNI DOPO.

- P.S.

- Il Movimento per la Giustizia Robin Hood è una Organizzazione non lucrativa di utilità sociale riconosciuta con Decreto del Presidente della Regione Lombardia n. 369/99, operante su tutto il territorio nazionale, che si adopera per il rispetto della legalità e dei diritti umani, a tutela di interessi diffusi dei cittadini e dei propri associati, contro qualsiasi forma di discriminazione e abuso di autorità, anche da parte delle istituzioni, offrendo assistenza legale ai soggetti in stato di bisogno, attraverso la rete di “Avvocati senza Frontiere”.

- In particolare, tra le finalità della Onlus rientrano anche la tutela del diritto alla salute, nonché di adeguate cure e trattamenti sanitari, quali fondamentali diritti dell’individuo e interessi della collettività, costituzionalmente protetti, che sono inscindibilmente connessi alla più generale tutela del rispetto della dignità della persona umana e dei diritti dei soggetti più deboli, come si evince dallo Statuto associativo della Onlus nei vari aggiornamenti.

- Tali attività associative di tutela vengono svolte attraverso gli sportelli di “S.O.S. Giustizia” e la rete di “Avvocati senza Frontiere”, che si prefiggono di garantire il diritto di difesa, anche dei non abbienti, in ogni sede anche sovranazionale, tutelando con fermezza e coraggio civile i cosiddetti “diritti negati”, nonché quelli dei propri associati, come emerge dallo Statuto associativo, che prevede espressamente la facoltà dell’Ente di intervenire in giudizio e di costituirsi parte civile nei casi di particolare rilevanza sociale, anche al fine di monitorare il corretto svolgimento dei procedimenti e l’esercizio dell’azione penale, onde affermare in concreto il principio di uguaglianza dei cittadini davanti alla legge.

- Nel caso di specie, L’Associazione, avuta notizia della sostituzione del P.M. originariamente titolare dell’indagine, che aveva disposto il rinvio a giudizio degli imputati, svolgendo una ineccepibile attivitĂ , poi sostituito dal P.M. Dr. Renato Martuscelli, si è costituita parte civile, non solo al fine di monitorare il procedimento, ma anche di denunciare abusi, violazioni procedimentali, omissioni, rapporti collusivi e anomalie che soventemente possono verificarsi in processi di particolare rilevanza sociale per coprire le responsabilitĂ  di soggetti in posizione dominante e imputati cd. “eccellenti”, in grado di esercitare pressioni sugli organi giudicanti, pilotando l’esito dei procedimenti con assoluzioni o pene molto miti.

Per info: Segreteria Avvocati senza Frontiere 02/36582657 – 329/2158780

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo