Category

Storie

Category

di Roberto Morsucci*Roberto Morsucci è un padre. Questo è il racconto del suo viaggio accanto al figlio, che “a quindici anni comincia a manifestare strani sintomi…”, da Roma a Trieste e poi ancora Roma. Un viaggio lungo dieci anni che ancora continua. Uno sguardo lucido sullo stato dei servizi di salute mentale, sulla distanza, che racconta enorme, della diversa  capacità di accoglimento e di attenzione, fra la capitale e la città che “ovviamente non è…

Wissem Ben Abdel Latif è morto il 28 novembre 2021, a 26 anni, in un Servizio psichiatrico di Diagnosi e cura (SPDC) di un Ospedale pubblico italiano, il San Camillo, a Roma, legato per giorni, braccia e gambe, ad un letto di contenzione. Wissem era già stato legato, il 23 novembre, in un altro Ospedale,il Grassi,a Ostia, dal quale, il 25 novembre, viene trasferito “per competenza territoriale”. Questo il breve riepilogo della sua storia, consumatasi…

di Francesca de Carolis Un pensiero forse non troppo politicamente corretto. Forse può far scandalizzare. Eppure lo pronunciamo, questo pensiero “scorretto”: forse non è proprio così male che si trovasse in un corridoio. Parliamo di Wissem Ben Abdel Latif, tunisino, 26 anni appena, morto nel novembre scorso dopo essere stato legato a un letto per cinque giorni in due diversi ospedali romani (il Grassi di Ostia, dove era stato trasferito dal Cpr di Ponte Galeria,…

di Silva BonIo sono una storica, e nello stesso tempo sento di poter rappresentare l’umanità delle persone con esperienza di disagio mentale, perché ho attraversato momenti drammatici e faticosi di sofferenza, di cui ho spesso dato testimonianza in coming out pubblici e in testi scritti. Pertanto mi sento particolarmente coinvolta.Ho attraversato gli spazi del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste fin dai primissimi anni Novanta del Novecento, con una continuità che dura fino all’oggi. Ho…

di Francesca de Carolis Storia di Eros, che in carcere non sarebbe mai dovuto entrare Eros Priore. Il suo nome forse non vi dirà niente. Ma la sua parabola, di persona “problematica” che in una dozzina d’anni passa da un TSO al carcere di Velletri, poi a quello di Secondigliano, e poi alla Rems di Subiaco, per approdare alla casa circondariale-casa di lavoro di Vasto, da dove il 23 gennaio scorso esce, a 61 anni,…

di Francesca De CarolisCon il testo di Franco Corleone  sullo stato di attuazione della legge del 31/5/2014 in ordine al funzionamento delle Rems un contributo di De Carolis e un libro da rileggere.”Credo che ognuno di noi sorrida quando si dice che la prigione e il manicomio hanno come obiettivi la riabilitazione dei loro ospiti, in realtà, tanto il manicomio come il carcere servono a confinare le devianze dei poveri, a emarginare chi è già…

di Arturo Cannarozzo Addetto alla formazione in una cooperativa sociale per attività di inclusione digitale 21 gennaio 2022 “Bisogna trarre dalla malattia, specialmente quando non è veramente tale, la maggior dolcezza possibile. Essa ne contiene molta.” Franz Kafka Di quel periodo, paradossalmente, conservo un indelebile ricordo. Quando sei accelerato, i colori, le voci, persino gli odori assumono accenti indimenticabili. Casomai è l’interpretazione che dai a quegli eventi a cambiare nel tempo, tra un’illazione e l’altra, in una…

[Illustration by Rachel Levit Ruiz] Di Gabriella Toro Ricordiamo anche il caso di Andrea Soldi, morto a causa di erronee manovre di immobilizzazione, eseguite al fine di trasportarlo in ospedale in regime di Tso. Il 14 aprile esce un libro sulla sua storia, di Matteo Spicuglia. Libro che si avvale di pensieri, riflessioni – una sorta di diario di sé e della sua malattia – rinvenuti dai familiari dopo la morte, tra le sue carte.…

Di Lorenza Magliano C’è un vecchio che vive per strada e che torna e ritorna in pronto soccorso al New Amsterdam Hospital. Lo curano ogni volta – al New Amsterdam curano tutti, pure quelli che l’assicurazione non ce l’hanno – lo tengono a dormire e gli danno da mangiare, poi lo dimettono. Poi il vecchio che vive per strada torna di nuovo. E questa cosa, il tornare, il letto, il cibo, una flebo di acqua…

[Photograph by Marko Opancina / Alamy] Di Guido Nicoli La notte è madre, come una madre mi culla, ma io sono inquieto, mi rigiro tra le coperte, sudo. Fuori un cane abbaia. Fa molto caldo. Cosa vorrà questo cane? Perché continua ad abbaiare? Forse sta segnalando una presenza? Un agente segreto che mi tiene d’occhio? Ho paura, qualcuno mi osserva, è certo. Mi alzo per controllare fuori dalle finestre se c’è qualcuno: mi pare di…