Notizie
Marchio Cavallo nitrisce al pianeta 6 settembre 2016
A San Severo, nel più indescrivibile e accogliente servizio pubblico, è nato il Marchio Cavallo. L’etichetta accompagnerà i prodotti alimentari delle coltivazioni di Art Village e del lavoro delle persone ...
29 agosto 1980 28 agosto 2016
Dall’istituzione psichiatrica al concetto di malato e malattia, dal carcere alla scuola, Franco Basaglia è stato un interlocutore fervido e instancabile della deistituzionalizzazione e dei processi che tendono a mettere la soggettività sotto il giogo dell’oggettività clinico-medica e dell’emarginazione sociale.
Un emendamento riapre stagione Ospedali Psichiatrici Giudiziari 6 agosto 2016
La lettera aperta di StopOpg: Al Ministro della Giustizia on. Andrea Orlando Al Sottosegretario alla Salute on. Vito De Filippo p.c. Al Commissario per il superamento OPG on. Franco Corleone Roma, 4 agosto 2016 Gentile Ministro, gentile Sottosegretario, abbiamo appreso che è stato approvato al Senato un emendamento al Disegno di Legge 2067 (su garanzie difensive, durata dei processi, finalità della pena ecc), che rischia di riaprire la stagione degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. L’emendamento in questione ripristina la vecchia normativa (quindi ante: legge 81/2014, Dpcm 1.4.2008 allegato C, Accordo Conferenza Unificata 13.11.2011), disponendo il ricovero nelle Rems esattamente come se fossero i vecchi Opg.
Il sogno della cittĂ  che cura. 4) Uscire dalle gabbie disciplinari, dai muri corporativi, per dare vita a una nuova politica della salute 4 luglio 2016
Una riforma che parla ad altri mondi. La legge Basaglia data ormai quasi 40 anni. Ogni tanto si parla di aggiornarla, modificarla. Quanto è ancora viva la le­zione basagliana? Basaglia è andato veramente alla radice delle questioni. I problemi in psichiatria sono stati presi alla radice e quella radice è stata estirpata. C’è stato un cambio netto di paradigma, di approccio. In questo senso la 180 è una riforma: non una rivoluzione, ma una riforma radicale. Una riforma che è andata talmente alla radice che continua a essere viva e vitale. Dal Giappone alla Cina continuiamo ad avere visitatori, gente curiosa che viene a chiedere come si fa, come è possibile, a quali condizioni.
Il sogno della cittĂ  che cura. 3) Erigere un muro porta sempre piĂą consenso che abbatterlo? 1 luglio 2016
Non è vero che la gente non capisce. Oggi viviamo un momento storico in cui alle frontiere tornano i muri. Erigere un muro porta sempre più consenso che abbatterlo? Stare dalla parte degli esclusi non ha mai aiutato molto dal punto di vista elettorale. Però io penso che se ci si assume delle responsabilità chiare sui problemi – anche su problemi che inquietano e spaventano – la gente capisce. Se il centro di salute mentale è aperto 24 ore al giorno, se le famiglie sanno di non essere sole ad affrontare la sofferenza mentale di un loro figlio, ma di avere al loro fianco servizi e cooperative sociali, bene se tutto questo vive e funziona, la gente capisce.
Il sogno della cittĂ  che cura. 2) Aprire le istituzioni 28 giugno 2016
Aprire le istituzioni. Sui motivi per cui il partito comunista a Parma non sostenne l’esperienza di cambiamento di Basaglia si è molto scritto in questi anni. Qual è la sua idea? Il Pci ha sempre considerato che la contraddizione principale fosse tra classe operaia e capitale. Dentro questa contraddizione matti, sottoproletari, esclusi totali non hanno mai trovato più di tanto spazio. Erano lumpenproletariat. Noi invece abbiamo sempre pensato che la contraddizione principale fosse tra istituzioni chiuse e istituzioni aperte.
Il sogno della città che cura. 1) Cos’era il manicomio negli anni ’60? 24 giugno 2016
[In occasione dell'uscita dell'ultimo numero di Animazione Sociale (n.299-3/2016), il Forum salute mentale s'impegna a pubblicare da oggi i passaggi dell'intervista di Roberto Camarlinghi a Franco Rotelli sul suo ultimo libro, L'istituzione inventata, edito da Alpha Beta Verlag, per raccontare la distruzione del manicomio e l'inizio di una nuova storia, costituita da persone, relazioni e nuovi percorsi di cura.]
Salute mentale. Il pericolo degli UFE 22 giugno 2016
dalla Sardegna, l'Asarp, associazione per l’attuazione della riforma psichiatrica: Nella Legge Regionale n°5 dell’ 11 aprile 2016 “Disposizioni per la formazione del bilancio di previsione per l’anno 2016 e per gli anni 2016-2018 (legge di stabilità 2016), all’art.6 “Disposizioni in materia ...
Disabilità, “Dopo di noi”, approvata la Legge 22 giugno 2016
Da SosSanitĂ : La Camera ha approvato in via definitiva il testo unificato delle proposte di legge: Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone con disabilitĂ  grave prive del sostegno familiare (Approvate, in un testo unificato, dalla Camera e ...
Il diritto al processo 22 giugno 2016
di Pietro Pellegrini (*) Una serie di tragici e orribili fatti, femminicidi, omicidi, tentati omicidi, capitati nel nostro territorio e nel nostro paese preoccupano l’opinione pubblica e pongono domande di diversa natura che richiedono l’analisi di molteplici elementi biologici educativi, psicologici, sociali, economici, culturali, valoriali, giuridici, etici. Insieme a questo sono certamente utili una sensibilità per quanto attiene la sicurezza e la qualità della convivenza sociale e un’attenzione che contrasti ogni forma di indifferenza e disinteresse e aiuti mediante una vigilanza attiva a migliorare il delicato lavoro delle forze dell’ordine, dei servizi educativi, sociali e sanitari nonché a rendere partecipi e protagonisti i cittadini, le famiglie e tutte le articolazioni della comunità senza mai travalicare nei modi, linguaggi e toni i limiti imposti dalla misura e dal buon senso.