Punti di vista
Alda Merini: la primavera, la Terra Santa e l’eterno soccorritore. 21 marzo 2015
di Silvia D'Autilia È la fine degli anni ’90, il cantautore Roberto Vecchioni decide di comporre una canzone per Alda Merini. Il titolo del brano “Canzone per Alda Merini”, appunto, non prestandosi a scelte denominative particolari, chiarisce fin da subito il motivo alla base della composizione: una dedica. Una manciata di minuti per raccontare un’esperienza. Qualche verso per illuminare un’esistenza.
Dieci righe deliranti. Fame 19 marzo 2015
19 marzo, diciannovesimo giorno Di Massimo Cirri Digiuno oggi, 18 marzo, perché ci siamo trovati a Milano, stamattina, in un incontro per fare il punto sulla situazione in Lombardia. Adesso è sera ed ho una fame da bestia. Però mi sento più ...
Stefano Cecconi ha digiunato 16 marzo 2015
15 marzo 2015 - Dopo quello del 1 marzo, eccomi al secondo giorno di digiuno per chiudere gli OPG, come abbiamo detto: senza proroghe e senza trucchi.  ...
Carlo Lusenti ha digiunato 16 marzo 2015
Perché sugli OPG si è già detto e scritto tutto e fatto troppo poco. Perché la giustizia non esiste senza l'umanità Perché i diritti hanno bisogno di cure, come le persone Perché si possono avere progetti disinteressati e impopolari Perché cambiare vale la pena ...
Tutti a Castiglione: ultima chiamata per l’OPG … 15 marzo 2015
15 marzo, quindicesimo giorno Lei non ha paura di me? Sa quanta gente ‘come me’ circola? Non sente un brivido lungo la schiena? E se mi parte la brocca? Mica c’è il dottor.. non ricordo il nome.. (meglio) con le sue fascette a ‘salvare’ voi sani. Vuol sapere qual è la ...
Peppe Dell’Acqua digiuna 12 marzo 2015
Ho esperienza del digiuno religioso dei giorni di vigilia o di quando da ragazzini ci preparavamo alla comunione della domenica mattina. Bisognava arrivare digiuni a quell’appuntamento. E ancora più intensa ho l’esperienza del digiuno che chiamerò “sanitario”. In particolare uno: le ...
Non basta chiuderli per abolirli 10 marzo 2015
di Anita Eusebi 10 marzo, decimo giorno. Gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, costituiti alla fine del 1800, in epoca lombrosiana, racchiudono in sé il peggio dell’istituzione manicomiale e di quella carceraria, sono non-luoghi, istituzioni totali che, a oltre trent’anni dalla chiusura dei manicomi civili con la legge 180, sono rimaste sostanzialmente estranee e impermeabili alla riforma della scienza e della cultura psichiatrica. Oltre agli ambienti certamente degradati e alle pessime condizioni di vita scandite dall’ordine istituzionale, ciò che non è più accettabile è l’idea di una giustizia fatta di meccanismi di internamento riconosciuti come del tutto incostituzionali, pericolosità sociale, incapacità di intendere e di volere, non imputabilità, o ancora evidenze biologiche infondate rispolverate per l’occasione.
Riconquistare la dignità di esseri umani 10 marzo 2015
9 marzo, nono giorno di Anita Eusebi La dignità di un uomo esiste a prescindere dal suo stato di salute e dai reati che possa aver commesso: questo il messaggio ripetuto in ogni dove da Marco Cavallo nella campagna a fianco di StopOPG. Un principio che vale per tutti, anche per coloro che sono internati negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, privati di ogni diritto e soggettività, spesso legati e violati, dimenticati e soli, ridotti a “oggetti”. Persone rese vuote “dallo sguardo e dalla parola della psichiatria”, come afferma Peppe Dell’Acqua, abbandonate nel loro problema psichico e nel loro delirio. Persone alle quali è urgente restituire volto, storia, diritti, cittadinanza nel senso più ampio del termine, dignità di esseri umani.
8 marzo, ottavo giorno di digiuno 9 marzo 2015
Sono i “piccoli opg” regionali il vero cruccio di Marco Cavallo. L’impegno di tutte le componenti di StopOpg dal gennaio 2012, dalla legge svuota carceri ad oggi, ha tentato di provocare capacità critica per avviare una resistenza che, al momento, alle battute finali (?) deve mostrare tutta la sua forza.
Messer Alonso, venga a prendere un Elettrochoc in Formula Uno! 8 marzo 2015
di Piero Cipriano. “Mi chiamo Fernando Alonso, corro in kart e voglio diventare un pilota di Formula uno”. Gli ultimi vent’anni della sua vita rimossi dalla memoria, il campione di Formula uno ricorda la sua vita fino al 1995. Per fortuna (scrive ...
Page 10 of 28« First...«89101112»20...Last »