Chiuso il Centro salute mentale a Schio

schioSu Il Giornale di Vicenza si legge che dal primo luglio il Centro salute mentale di Schio è chiuso e tutta l’attivitĂ  è stata trasferita a quello di Thiene, in attesa che si ripiani la situazione del personale medico. Il quotidiano riporta inoltre la seguente dichiarazione di Angela Zanuso, novantenne ancora attiva come presidente onoraria di Aitsam, che trenta anni fa volle fortemente l’apertura in cittĂ  del servizio.

«A fine anni ’80 il nostro lavoro era indirizzato alla istituzione di presidi territoriali e primo fra tutti alla creazione dei Centri di salute mentale secondo la legge 180; per il numero degli abitanti della nostra area ne prevedeva due, uno a Schio e uno a Thiene. La notizia della chiusura del Centro di Schio equivale allo scoppio di una bomba che andrà a distruggere quella straordinaria rivoluzione culturale-sanitaria che il dottor Basaglia ha condotto e vinto a favore delle persone affette da disagio psichico, restituendo loro il diritto di cittadinanza e facendoli diventare persone come tutti noi. Eppure, da ciò che si evince, nonostante il periodo trascorso con straordinari risultati a favore di questa rivoluzione, il lavoro del dottor Basaglia non è finito perché un po’ di acredine contro il diverso serpeggia ancora all’interno del mondo professionale e in genere anche in quello politico. Basta abbassare lo sguardo e il rischio di nuove istituzioni è dietro l’angolo. In questo clima crescente di incertezze in molti ambiti della vita civile si sta formando spontaneamente una strada scivolosa dove vedremo scomparire altre realtà importantissime per l’umanità che ci deve distinguere dal mondo animale. Nel nostro territorio c’è una popolazione di 1.500 utenti ai quali vanno aggiunti i familiari che con il Csm hanno istituito un rapporto terapeutico con risultati positivi e di serenità. Con la triste notizia della chiusura essi perdono di fatto la libertà terapeutica e amicale che da sola ha la valenza di tante medicine (alcune persino inutili!). Il trasferimento a Thiene, centro nato dieci anni dopo il nostro, va sottolineato, andrà a disperdere questo aggancio importantissimo perché la relazione unisce le persone e andando a Thiene la si perderà. Perché la sorte ora prevede che sia il nostro il Centro che deve chiudere? Come si fanno a buttare alle ortiche i diritti acquisiti, la sofferenza delle famiglie coinvolte e la dignità di noi tutti?».

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo