Dizionario della Nuova Psichiatria: Noi Matti [4]

4 I

IMBECILLE, CRETINO, IDIOTA.

Campionario diagnostico col quale, in neuropsichiatria infantile, vengono etichettati “scientificamente‚ÄĚ alcuni tipi di bambini la cui evoluzione psichica √® ritenuta al di sotto della norma. Queste voci sono entrate nel linguaggio comune, offrendo strumenti di stigmatizzazione empirica alla conversazione quotidiana (Io non sono un imbecille, tu sei un cretino, ci considerano tutti idioti, eccetera).

INCIDENTE (fuga, omicidio, suicidio, eccetera).

Qualsiasi incidente avvenga nella istituzione psichiatrica, viene abitualmente imputato alla malattia, chiamata in causa come unica responsabile della imprevedibilit√† del comportamento dell’internato: la scienza, nel definire il malato incomprensibile, offre cio√® allo psichiatra lo strumento per deresponsabilizzarsi nei confronti di un paziente che, per legge, egli dovrebbe controllare e custodire.

Responsabile di fronte alla societ√† che gli delega il controllo dei comportamenti devianti (un controllo che non ammette, a differenza di altre specialit√†, rischi e fallimenti), lo psichiatra non fa altro che trasferire la responsabilit√† di tali comportamenti nella malattia, limitandosi a ridurre al minimo la possibilit√† di azione del malato, trasformato in un oggetto all’interno di una istituzione, il manicomio, che ha il compito di prevedere lo imprevedibile. L’incomprensibilit√† di un atto toglie ogni responsabilit√† a chi vi assiste o all’ambiente in cui esso si compie, dato che definendolo come un atto ”malato” si chiama in causa soltanto l’impulso abnorme e incontrollabile connaturato con la malattia.

Nel caso dell’istituzione chiusa, di tipo custodialistico tradizionale, scopo primario √® sempre quello dell’efficienza dell’organizzazione: il malato √® un oggetto all’interno di un sistema nelle cui norme e regole deve identificarsi. E’ dunque l ‘istituzione che, proponendosi come una realt√† priva di alternative e di possibilit√† personali, d√† al ricoverato le indicazioni verso l’atto che si presume egli debba compiere. In questa situazione coatta, dove tutto √® controllato e previsto in funzione di ci√≤ che non deve accadere, la libert√† non pu√≤ essere vissuta che come l‚Äô”atto proibito”, impossibile ad attuarsi, in una realt√† che vive solo, per prevenirlo. Lo spiraglio di una porta aperta, una stanza incustodita, una finestra socchiusa, un coltello dimenticato sono l’invito esplicito a un’azione auto o etero distruttiva per prevenire la quale esiste l’istituzione. Dove non ci sono alternative, l’unico futuro possibile √® la morte, come rifiuto di una condizione di vita invivibile, come protesta al grado di oggettivazione in cui si √® ridotti, come l’unica illusione possibile di libert√†, come l’unico progetto possibile. Ed √® troppo facile identificare queste motivazioni con la natura della malattia, come la psichiatria classica ci ha insegnato.

L’unica responsabilit√† che l’istituzione concede all’internato √® dunque quella dell’incidente, che essa si affretta a trasferire nel malato e nella malattia, rifiutandone ogni legame e partecipazione. Il ricoverato che, durante la lunga degenza (v.: “lungodegente”), si √® trovato spogliato e deresponsabilizzato in ogni movimento, si ritrova completamente e automaticamente responsabile di fronte al suo unico atto di libert√†, che quasi sempre coincide con la morte.

In questo senso l’incidente (di qualunque natura esso sia) non √® che l’espressione del vivere la regola istituzionale fino in fondo, portando alle estreme conseguenze le indicazioni che l’istituzione fornisce al malato.

Nel caso di un’istituzione aperta, la finalit√† globale dell’istituto √® il mantenimento della soggettivit√† del ricoverato, anche se la cosa pu√≤ andare a scapito dell’efficienza generale dell’organizzazione. In questa realt√†, la libert√† diventa norma e il degente si abitua a usarla. Ma perch√© ci√≤ avvenga √® necessario che tutta l’istituzione (cio√® i diversi ruoli che la compongono) sia interamente coinvolta e presente in ogni momento e in ogni atto, come sostegno materiale e psicologico del malato. In questo contesto l’incidente non √® pi√Ļ il tragico risultato di una mancata sorveglianza, ma di un mancato sostegno da parte dell’istituto.

La porta aperta diventa una indicazione per una presa di coscienza sul significato della porta, cio√® della separazione, dell’esclusione di cui i malati sono oggetto in questa societ√†. L’ospedale agisce stimolando la presa di coscienza da parte del malato di essere un escluso reale: ci√≤ che √® stato fatto di lui e il significato sociale che ha avuto l’istituzione in cui √® stato rinchiuso. Che significato ha l’incidente in questo contesto? Un malato che pu√≤ venire dimesso e che si trova rifiutato dalla famiglia, dal posto di lavoro, dagli amici, da una realt√† che lo respinge violentemente come uomo di troppo, che cosa pu√≤ fare se non reagire contro chiunque abbia per lui la faccia della violenza di cui √® oggetto? In questo processo chi pu√≤, onestamente, parlare solo di malattia; e di chi sono le responsabilit√† pi√Ļ dirette?

L

LEGGE PSICHIATRICA.

L’insieme delle norme giuridiche (approvate nel 1904 e tuttora vigenti) che stabiliscono l’esclusione totale dei malati di mente mediante il loro isolamento in “manicomio” (v.). Cardine della legge √® il principio della custodia dell’alienato, intesa come privazione della personalit√† umana sia in linea di fatto (attribuzione del malato a una istituzione totale che lo trasforma in oggetto), sia in linea di diritto (trasferimento della capacit√† giuridica ad altra persona, il tutore, attraverso l‚Äô”interdizione” (v.). La custodia √® abbinata alla cura, ma l’attuazione della prima in modi coercitivi (paragonabili alla carcerazione ma a un livello ancora deteriore) esclude la seconda.

La preoccupazione della legge non √® dunque diretta alla cura della malattia o alla prevenzione, di cui non si fa neppure cenno, bens√¨ e unicamente a proteggere la societ√† contro la “pericolosit√†” (v.) dell’alienato e contro “il pubblico scandalo” del suo comportamento. Il punto di riferimento rimane cos√¨ esterno alla malattia ed √® costituito dal riflesso delle concezioni correnti (ossia imposte dalla classe dominante) in materia di moralit√† e di ordine pubblico.

In coerenza con tutto questo, l’autorit√† di pubblica sicurezza, la famiglia, “qualunque interessato” sono i giudici preliminari del ricovero. La decisione finale spetta al magistrato, il quale si limita ad appropriarsi acriticamente del parere dello psichiatra. Si attua cos√¨ una mediazione giudiziaria che costituisce un capolavoro di ipocrisia giuridica: a un organo apparentemente neutrale e irresponsabile, ma sostanzialmente espressione della classe dominante, √® demandata l’applicazione del marchio della pazzia, con evidente sollievo per i reali artefici dell’esclusione.

La legge attribuisce un potere carismatico allo psichiatra, arbitro indiscusso di ricoveri, dimissioni, trattamenti terapeutici, adozione di mezzi coercitivi. Ma al tempo stesso gli garantisce lo scarico di responsabilità, in basso verso gli infermieri che rispondono dei malati loro affidati; in alto verso il giudice che avalla le sue decisioni.

La legge psichiatrica √® oggetto di progetti di riforma. Un passo √® stato compiuto nel 1967 con la previsione del ricovero volontario accanto al ricovero coattivo. Si √® fatto in modo cio√® che il malato potesse formalmente decidere da solo la propria esclusione sociale. Sono previsti passi successivi, che dovrebbero abbattere gli aspetti pi√Ļ medievali e ripugnanti del sistema manicomiale. Non √® previsto un mutamento di fondo che potrebbe incidere radicalmente nella trasformazione dell’assistenza psichiatrica: il riconoscimento della malattia di mente come malattia sociale. (Giangiulio Ambrosini).

LUNGODEGENTE.

Termine tecnico che sostituisce la vecchia definizione di “cronico” per il malato mentale da anni “‘istituzionalizzato” (v.) nel “manicomio” (v.). Con questa denominazione si presume di dare nuova dignit√† al ricoverato, conservandone tuttavia intatto il ruolo e il destino. Qualcosa di analogo all’operazione con cui si chiamano netturbini gli spazzini, agenti di custodia i secondini, necrofori i becchini.

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo