Domani, 5 Aprile a Sassari “Prima della 180. Politica e psichiatria negli anni di Franco Basaglia”

“Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 16 maggio, la legge 180 rappresenta un passaggio epocale, che viene completato nel dicembre dello stesso anno, quando viene approvato, con i soli voti contrari del Partito Liberale e del Movimento Sociale, il testo completo della riforma sanitaria (l. 833 del 1978), che di fatto assorbe la riforma della psichiatria. Con il mutamento normativo provocato dalla legge 180 si ridisegna completamente il quadro del trattamento psichiatrico e si aboliscono i manicomi.

[...] Gli psichiatri che gestivano le esperienze di innovazione degli ospedali, inoltre, avevano gettato le basi della riforma mostrando nella pratica la possibilitĂ  di un tipo di assistenza alternativo al manicomio. Nel 1978 la provincia di Trieste è l’unica ad aver annunciato la chiusura del manicomio prima della riforma, mentre le province di Arezzo e Perugia hanno di fatto bloccato gli ingressi nei rispettivi ospedali psichiatrici. Ma nella maggior parte del paese, nonostante esista una presa di coscienza sul tema e nonostante i processi descritti nei capitoli precedenti, la riforma è ancora tutta da realizzare. Al passo compiuto verso il pieno riconoscimento dei diritti di cittadinanza della persona con disturbo mentale sarebbe poi dovuto corrispondere un impegno per un’attuazione concreta [...]”

17757097_1359129287513368_7529428408990844021_n

    Share

    Lascia un commento

    Devi essere registrato per commentare l'articolo