Esseri umani – Essere umani. Iniziativa musicale contro l’emarginazione sociale

Fotonotizia-diritti-internazionaleOgni anno il 10 dicembre si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale dei diritti umani per commemorare l’anniversario dell’adozione della Dichiarazione Universale dei diritti umani da parte dell’assemblea Generale delle Nazioni Unite, avvenuta a Parigi il 10 dicembre 1948.

Da allora, la Giornata internazionale dei diritti umani rappresenta un’opportunità per  promuoverne il pieno ottenimento  da parte di tutti e in ogni luogo.

Nella dicotomia Esseri umani – Essere umani vogliamo mettere in luce cosa può voler dire andare incontro all’altro per garantirgli percorsi di inclusione sociale e quali sono le difficoltà da superare per permettere agli “esseri umani di essere umani” all’interno delle loro realtà socio- culturali.

Tra i diritti umani costitutivi della persona, ve ne è uno più disatteso e discriminato: il diritto di una persona fragile ad essere aiutato nel suo percorso di emancipazione con rispetto, benevolenza, tolleranza, senza finalità di potere o di lucro.

Il welfare è un lusso che non possiamo più permetterci e che dobbiamo rapidamente ridimensionare se non smantellare: sembra essere questo il nuovo “ pensiero unico dominante”.

Al contrario, noi pensiamo che il welfare di comunità possa proporre un ribaltamento prospettico di questa teoria, nel senso che la persona da assistere cessa di essere “un centro di costo“ e diventa invece soggetto economico attivo.

Questo approccio culturale non solo ha un enorme valore di rigenerazione individuale e collettiva, ma apre nuove prospettive di sostenibilità economica tra privato sociale e pubblico.

E’ in questo contesto che l’Orchestra V. Galilei della Scuola di Musica di Fiesole, che ha accompagnato il percorso formativo di tanti musicisti anche di questo territorio, propone i CONCERTI BRANDEBURGHESI di J.S. BACH.

Il concerto costituisce un’occasione per mostrare pubblicamente come una parte di territorio recuperato dal degrado e dall’abbandono, quale era in passato Villa Cantù, sia diventato oggi un parco pubblico aperto alla cittadinanza e un luogo dove si possono sviluppare percorsi di emancipazione e di inclusione sociale delle persone con problemi di salute mentale.

Collaborare con i servizi socio-sanitari, promuovere coesione sociale, informarsi e partecipare sono responsabilità collettive: le amministrazioni locali, i singoli cittadini, le associazioni di volontariato, le scuole sono tutti soggetti chiamati a fare in modo che Villa Cantù diventi sempre più un luogo di qualità sociale aperto alla cittadinanza.

Il Consorzio Cascina Clarabella, Il Dipartimento di salute mentale dell’A.s.s.t.  Franciacorta, la citta’ di Rovato, la scuola di musica di Fiesole e l’associazione culturale Pangloss

in occasione della giornata mondiale dei diritti dell’uomo propongono 

quattro concerti branderburghesi di   J.S.Bach

Orchestra V. Galilei della Scuola di Musica di Fiesole, Direttore Enrico Casazza

Introduce Luciano Carrino,

Kip School International, Programma Universitas di ricerca e formazione per lo sviluppo umano e la Cooperazione Internazionale

Domenica 11 dicembre 2016 ore 18,30 presso il convento dell’annunciata di rovato (bs)

Al termine del concerto sarà offerto un aperitivo dalla cooperativa sociale Clarabella

L’ingresso è libero ed è previsto un servizio trasporto con bus navetta da piazza mercato al convento dell’annunciata

    Share

    Lascia un commento

    Devi essere registrato per commentare l'articolo