Io (non) sono colpevole. Incapacità o responsabilità del “folle reo”

Lettera Aperta 02.12.2016 defVenerdì 2 dicembre,  presso l’Università degli Studi di Milano – Bicocca, si terrà il convegno Io (non) sono colpevole. Incapacità o responsabilità del “folle reo”, sul tema del trattamento del reo non imputabile e sulla proposta di abolizione della non imputabilità.

Dobbiamo considerare tutte le azioni delle persone, e quindi anche quelle penalmente rilevanti, come originate dalla volontà e collegate ad un libero giudizio degli stessi soggetti che le agiscono? Oppure, esistono turbamenti affettivi e alterazioni dell’esperienza che indicano la responsabilità di questi comportamenti nella malattia mentale, correttamente diagnosticata? E quali confini ha la responsabilità nella commissione del reato, se a compierlo è un paziente psichiatrico? Quali elementi clinici abbiamo per stabilire se un paziente psichiatrico compie un reato, condizionato dai suoi sintomi? Qualunque tipo di reato, come quelli più gravi contro la persona, può essere compiuto nonostante la malattia in piena coscienza e consapevolezza e quindi con piena responsabilità? E, nell’attuale complesso reticolo normativo, le istituzioni giudiziarie, gli organi giurisdizionali e l’amministrazione penitenziaria, come possono assicurare che l’esecuzione della pena rispetti il diritto alla cura ed alla riabilitazione? Mentre quelle sanitarie, dove quotidianamente operiamo, di quali risorse e strumenti dispongono per poter garantire la continuità della cura e della riabilitazione stesse? Il convegno odierno, in un ampio confronto multidisciplinare attraverso vertici di osservazione sia clinici sia giuridici, intende sollecitare un approfondimento su questi interrogativi, a partire dalla pratica, per poter articolare risposte istituzionali adeguate in un contesto, sociale e culturale, in trasformazione.

Vedi il programma

Brochure 2.12.16 def

    Share

    Lascia un commento

    Devi essere registrato per commentare l'articolo