La risposta di Stefano Cecconi su: “…e gli Opg restano aperti”

stop_opg_sito1-500x375

Caro Giorgio, di vedetta  come sempre: grazie per le informazioni e, soprattutto, per  i commenti.

La proroga paventata nel primo articolo (sul Garantista) è quella della 1^ Relazione sugli OPG, poi smentita da De Filippo, “a parole” è vero ma in una sede ufficiale: il seminario al Senato l’11 novembre scorso. Comunque è possibile che la proroga resusciti …

Nel frattempo le notizie che giungono dagli Opg non sono buone: indicano da parte della magistratura (temo “aiutata” in questo da diversi servizi delle Asl ) una sistematica mancata applicazione della legge 81 nella sua parte più pregiata: la prevenzione dell’internamento. Si continua a internare anziché procedere con le misure alternative. E anche le “dimissioni dei dimissibili” tardano. Emblematica è la “lettera aperta” di padre Pippo Insana da Barcellona Pozzo di Gotto.

La discussione tra Governo e Regioni – nel comitato di monitoraggio – si è concentrata sulle “Rems provvisorie” per evitare la proroga. E’ un bene ? Dipende: NO se per provvisorio si intende in attesa delle Rems definitive. SI’ se permette di rendere residuali le Rems perché nel fratempo si potenzia tutto ciò che non è Rems/Opg.

Ritengo però necessario procedere con atto formale verso il Governo, la Presidenza della Repubblica, le Regioni e proporre al comitato nazionale stopOPG alcune iniziative.

A presto, un caro saluto

Stefanostop_opg_sito1-500x375

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo