Nitrire al pianeta: Marco Cavallo il grande cavallo azzurro saluta l’Expo

11541954_10153554104394736_4307958188734950570_nDomenica, ultimo appuntamento di “Nitrire il Pianeta” per leggere i messaggi lasciati dai visitatori di Expo in diretta radiofonica a ritmo della musica dei Rari&20 sorseggiando ancora un calice di Bollicine 180.

“Il cavallo è costretto a ricominciare sempre daccapo e cosĂŹ anche la sua storia va raccontata sempre dal principio. Anche questa volta si ricomincia. Lo dobbiamo soprattutto all’irruniciabile bisogno di cambiamento e ai giovani. E che il viaggio di Marco Cavallo continui.”

È arrivato il momento del congedo per Marco Cavallo, che lascia Expo e riprende il suo viaggio per il mondo. L’appuntamento è domani, domenica 25 ottobre 2015 a partire dalle ore 19.00 al Padiglione KIP – KIP International School da dove saluterĂ  i suoi amici nuovi e vecchi con musiche e pensieri.

Il muso del cavallo azzurro si affaccerà sul Decumano per nitrire ancora una volta al Pianeta e ricordare a tutti i visitatori di Expo la necessità di abolire tutte le Istituzioni totalizzanti che ancora esistono nel mondo, per costruire sistemi di welfare capaci di accogliere tutti; “nitrire” al Pianeta per dire a tutti che “nutrire” il Pianeta non sia aumentare l’esclusione.

Ad amplificare la sua voce per farla uscire dalle mura di Expo e oltrepassare i suoi confini, così come aveva sfondato le porte dal manicomio di Trieste per uscire “nel mondo di fuori”, ci saranno gli amici di Shareradio con il programma TRO Trattamento radiofonico Obbligatorio. Si tratta di una trasmissione incentrata sui temi della salute mentale e che raccoglie testimonianze di percorsi volti al benessere, musiche e produzioni culturali incentrate sull’argomento o prodotte da altre realtà simili, ascoltabile in podcast su Shareradio.it, verrà allestita una postazione radiofonica web vicino a Marco Cavallo che trasmetterà in diretta tutti gli avvenimenti della serata fatta di letture, musica e bollicine.

Marco Cavallo al suo arrivo in Expo aveva proposto a tutti i visitatori di lasciare nella sua pancia un foglietto con il proprio desiderio “per il sogno di una cosa migliore”. Di biglietti ne sono stati scritti a centinaia in diverse lingue del mondo e ognuno dei visitatori ha così nutrito il pianeta insieme al cavallo azzurro. Tutti i biglietti raccolti sono stati affidati a Formattart, un realtà che ha per scopo quello di valorizzare tutte le forme d’arte, teatrale, pittorica, dell’editoria, musicale, figurativa, fotografica, cinematografica e performativa nel rispetto dei principi democratici di tutte le persone coinvolte, favorendo e sostenendo così processi di coesione sociale. In occasione di questa serata conclusiva alcuni verranno letti in diretta.

La musica, a cura di Rari&20, un gruppo di cittadini utenti e operatori nato nel 2009 in seno all’azienda Ospedaliera Fatebenefratelli Dip. Salute Mentale per promuovere iniziative rivolte alla cittadinanza di conoscenza dei Servizi e combattere lo stigma verso persone affette da malattie mentali. Con chitarra, jambe, tamburello e voce animeranno la serata con pezzi inediti e di repertorio.

A conclusione di questo momento finale in rappresentanza degli  eventi collaterali organizzati attorno ad uno dei capitoli del programma del Padiglione KIP dedicato alle esperienze di superamento delle istituzioni totali (manicomi, cronicari, orfanotrofi, carceri, ecc.) e della creazione di alternative territoriali, ci sarĂ  la cooperativa sociale Cascina Clarabella DSM di Iseo (BS) che saluterĂ  Marco Cavallo e l’Expo con le Bollicine 180, il primo Franciacorta Millesimato 2008 ottenuto da uve biologiche, che è il frutto di un progetto di inserimento lavorativo per persone che vivono o hanno vissuto l’esperienza del disagio mentale. Alla base di questa esperienza la certezza che chi soffre di disturbi mentali deve essere prima di tutto aiutato a salvaguardare e conservare i propri diritti all’interno dello spazio sociale.

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo