Note di commento al Piano Socio Sanitario Integrato della Regione Lombardia (PSL) 2019-2023

regione-lombardiaDi Luigi Benevelli

Non c’è salute senza salute mentale. La salute non è qualcosa che si vende e si compra, ma un progetto non delegabile cui contribuisce la cooperazione di una grande quantità di soggetti.

Le persone con disturbo mentale soffrono di disabilità e sono oggetto di pregiudizio, stigma e discriminazione in tutto il mondo. Pertanto sono più vulnerabili alla violazione dei diritti civili ed umani e alla non-equità negli accessi e nelle disponibilità di servizi di tutti i tipi rispetto alle persone che soffrono di malattie del corpo.

L’esperienza della de-istituzionalizzazione, in particolare della chiusura dei manicomi, ha mostrato la grande importanza delle interazioni fra le dimensioni biologica, psicologica, antropologica, storico-sociale nell’evoluzione dei disturbi mentali e come la qualità dell’offerta del servizio sanitario condizioni i modi e l’evoluzione del disturbo, ne sia parte integrante.

Per visionare il documento integrale: Note al piano socio-sanitario integrato della regione Lombardia- PLS 2019-2023

Articoli Correlati:

Share

Un Commento a “Note di commento al Piano Socio Sanitario Integrato della Regione Lombardia (PSL) 2019-2023”

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo