Progetto Stravaganza

Stravaganza è un progetto teatrale raro e prezioso scritto da Dacia Maraini e messo in scena dai “matt-attori” dell’Accademia della Follia (www.accademiadellafollia.it) . Stravaganza è prodotto dal Teatro Stabile del FVG ed esordisce in due dei più importanti teatri italiani: il Teatro Goldoni di Venezia e il Teatro Stabile del FVG (con 12 repliche consecutive ).

Il progetto è rivolto ai dipartimenti di salute mentale, alle associazioni di volontariato, alle scuole ed università e alla a cittadinanza. L’iniziativa è itinerante ed intende produrre un moderno ed incisivo confronto sul tema della follia, del pregiudizio e dell’esclusione sociale al fine di stimolare un progresso culturale della nostra società.

Stravaganza è un progetto inclusivo. Da questo approccio nasce l’auspicio di integrarsi con progetti già avviati sul territorio da associazioni o istituzioni, in modo da poter dare a questa iniziativa una maggior efficacia e una continuità nel tempo

FORZA E CONTENUTI DEL PROGETTO

Stravaganza parla di follia e di pregiudizio . Viene messo in scena da artisti che convivono con il disagio mentale e che hanno potuto scoprirsi ed esprimersi a livelli di eccellenza, come vedrete nel materiale allegato, solo grazie alla chiusura dei manicomi. La forza dirompente del messaggio sociale che portano con sè è fortemente correlato ai loro corpi e alle loro persone: Claudio, Dario, Antonella, Gabriele, Giuseppe, Sabrina, uomini e donne che invece di essere ricoverati in manicomio, strabiliano e commuovono il pubblico .

Allego qui di seguito un commento di Dacia Maraini allo spettacolo che rende meglio di qualsiasi altra mia parola il valore di quanto vi sto descrivendo:

“ Non ci credo ! era l’affermazione più temibile che Stanislaskij potesse scagliare contro un attore, perché la cosa più importante (e la più difficile) da mettere in scena è la credibilità. Il massimo dell’artificio annodato al massimo della verità, questa la sfida teatrale. Sfida che affronta ogni sera lo spettacolo messo in scena da Claudio Misculin regista e “matt-attore” di Stravaganza. E lo fa così bene che il pubblico ne è incantato. Il testo spinge gli attori alla più dura delle prove possibili: rendere attendibile la recita di sé stessi. Con grandissima professionalità, con una tecnica che coniuga doti attoriali e doti performative l’Accademia della Follia si fa, in questa occasione, teatro della verità dei corpi e si proietta oltre la quarta parete, per captare l’attenzione dello spettatore costringendolo alla riflessione.

La trama drammaturgica di Stravaganza si intreccia con le storie personali di ogni suo interprete e racconta in qualche modo la genesi della stessa Accademia della Follia, nata all’indomani della legge Basaglia. Potremmo dire che questo spettacolo è metavita, qualcosa che sta fra la vita vissuta e la creazione di un delirio composito e controllato dal senso del ritmo e della musicalità linguistica. La compagnia si impone con inesauribile energia, invade e travalica lo spazio scenico per portare un messaggio attualissimo di solitudine, emarginazione, oblio politico e sociale, ma è anche un canto alla vita, alla capacità primigenia dell’uomo di reagire, di riconoscersi, di ricrearsi. E’ rappresentazione dell’ istinto di sopravvivenza, realtà cruda e senso ritrovato della naturale grazia di ogni corpo. “

OBIETTIVI

Il nostro auspicio è quello di poter sviluppare insieme alle persone e ai territori sensibili un progetto culturale locale sulla follia, il pregiudizio e l’esclusione sociale. Tale progetto è sviluppato nel documento “STRAVAGANZA progetto.doc”

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

A corredo della lettera alleghiamo: libretto di presentazione, rassegna stampa nazionale, collegamento a youtube per godere dell’anteprima dello spettacolo: http://www.youtube.com/watch?v=rKB1BGUuU2w

Un caro saluto

Luca Petruzzelli

Responsabile Progetto

www.infostravaganza.it (sito in allestimento)

STRAVAGANZA Libretto

STRAVAGANZA progetto

STRAVAGANZA rassegna stampa

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo