comunicare
Terrorismo, criminalità e disturbi mentali. Perché non esiste un legame diretto sabato, settembre 3rd, 2016
di Pietro Pellegrini (*) I fatti di sangue accaduti recentemente in diversi paesi Europei hanno portato alcuni commentatori dei mass media a collegare le condotte criminali e terroristiche ai disturbi mentali. Si tratta di una lettura assai preoccupante che richiede alcune ...
Un giudice spietato mercoledì, novembre 11th, 2015
di Giuseppina Turra. Ho assistito all'ultima parte della trasmissione “i fatti vostri” del 2 novembre scorso (trovate 10 minuti per vedere link): i genitori della bimba di 9 mesi, inquisiti per il suo decesso, sono intervenuti e sono stati intervistati dal signor Magalli. Con rammarico profondo mi sento in obbligo di  esprimere un altrettanto profondo disappunto. Mi domando prima di tutto quali siano le ragioni che conducono una redazione tv, che svolge un servizio pubblico, a mettere in 'piazza' una vicenda umana di questo tipo quando è evidentissimo che i due genitori sono persone bisognose di attenzione e sofferenti: 'ultimi', se posso usare un termine forse troppo evocativo. 
Impazzire si Può 2015 – i contributi (VIDEO) lunedì, ottobre 5th, 2015
Hanno aperto il convegno le (ex) “Interviste fuori bersaglio” - (nuovo) "Intraviste noralità". Un (splendido!) lavoro di ricerca in strada, di Fabrizio Maurel in collaborazione con i volontari del servizio civile del DSM dell'AAS 1 Triestina: Sebastiano Filippi (riprese e ...
Lo stigma e la non innocenza dei servizi psichiatrici martedì, luglio 21st, 2015
di Vito D’Anza. Ci sono parole o espressioni usate, o spesso abusate, che ormai hanno perso senso e significato, e risuonano vuote alle orecchie di tanta gente. Non in assoluto certo, si tratta di uno "svuotamento" che dipende da quante persone le pronunciano e dal senso che di volta in volta viene attribuito a tali parole. Nel caso in questione mi riferisco a una certa psichiatria, e a certi psichiatri. Parole dette quasi avessero un senso liberatorio immediato e risolutivo, come se fossero magicamente capaci di mettere tutti d'accordo, di conciliare tra loro prassi (e teorie) le più disparate e spesso contrapposte. L’una e l’altra psichiatria, dalle diverse facce e dagli opposti significati.
Carta di Trieste, su quel documento così importante è calato il silenzio giovedì, maggio 28th, 2015
di Carlo Muscatello (°) Conosciamo la Carta di Treviso sulla tutela dell’infanzia, la Carta di Roma sul rispetto per i migranti, conosciamo altri documenti deontologici che i giornalisti si sono dati nel corso degli anni, ma poco o nulla sappiamo della Carta di Trieste. Si tratta di un “codice etico per i giornalisti e gli operatori dell’informazione sulle notizie concernenti cittadini con disturbo mentale e questioni legate alle salute mentale in generale”, che è stato redatto a Trieste, nel 2010, nello splendido parco di San Giovanni che un tempo ospitava un manicomio: quello dove si realizzò la “rivoluzione basagliana” che ebbe il suo approdo normativo nella Legge 180.
Il Veneto non accoglie 43 psicolabili pericolosi dimessi dai manicomi giovedì, marzo 26th, 2015
Trenta righe sono sufficienti a raccontare cosa si intende per Salute Menttale nella Regione che ha dato i natali a Franco Basaglia, Questa breve intervista al direttore generale della Sanità veneta a proposito dell’imminente chiusura degli opg, fotografa impietosamente l’arretratezza culturale, la disinformazione, l’irresponsabilità di una sanità che continua a produrre stigma e a sanzionare drammaticamente chi ha la sventura di incorrere in una diagnosi psichiatrica.
Tutti a Castiglione: ultima chiamata per l’OPG … domenica, marzo 15th, 2015
15 marzo, quindicesimo giorno Lei non ha paura di me? Sa quanta gente ‘come me’ circola? Non sente un brivido lungo la schiena? E se mi parte la brocca? Mica c’è il dottor.. non ricordo il nome.. (meglio) con le sue fascette a ‘salvare’ voi sani. Vuol sapere qual è la ...
La patente mercoledì, marzo 4th, 2015
4 marzo, quarto giorno Di Barbara Buoso. Il PM dall’alto della sua legge porta la prova, è il caso di dirlo, capitale: “signor Giudice, signori giurati – ok, ok, ok: questa è enfasi da gran giurì – come può, il signor povero deficiente psichico, perché questo è, un povero deficiente psichico, aver accolto col lume della ragione un finanziamento per l’acquisto di una autovettura, una autovettura signor Giudice, signori giurati, quando il povero deficiente psichico non ha la patente?!
Bruno Vespa e l’elettrochoc venerdì, febbraio 27th, 2015
Di Piero Cipriano. Lo so che non sta bene confessare di guardare Porta a porta, il soporifero programma che da qualche decade Bruno Vespa ci somministra quasi tutte le sere. Ebbene sì, ogni tanto mi capita di guardarlo. Che psichiatra sarei, ...
“Solo un folle, un pericoloso folle, può compiere un tale gesto”: l’omelia del vescovo di Ragusa che assolve tutti i sani. venerdì, dicembre 19th, 2014
di Silvia D'Autilia Si credeva tutto sommato superato il banale determinismo di matrice ottocentesca (se non preottocentesca) per cui: se folle allora pericoloso. Si credeva. La vicenda di Ragusa ha rappresentato l’ennesima conferma del contrario, della sua persistenza mediatica e culturale.
Page 1 of 512345»