contenzione
Storia di un ragazzo legato al letto giovedì, luglio 23rd, 2015
di Piero Cipriano Un anno fa ho incontrato Francesco. Mi ha raccontata la sua storia di persona legata a un letto d’ospedale. Ho pubblicato un suo scritto ne Il manicomio chimico, nel capitolo Ivàn Fëdorovič e il sinedrio di bioetica. Francesco preferiva non comparire col suo vero nome. Pensava di aver chiuso con la psichiatria. Alla luce del suo recente, attuale ricovero, ha capito che non è così. Pubblicai la storia del suo primo ricovero, e della sua contenzione preventiva, perché volevo che questa sua storia, di vittima della psichiatria, di vittima di una psichiatria che sequestra le persone, e le tortura, fosse conosciuta, facesse scalpore, mettesse paura, scandalizzasse, scuotesse le coscienze.
Slegalo subito. La campagna contro la contenzione comincia giovedì, luglio 23rd, 2015
“Gli venne incontro l’Ispettore capo Michele Pecorari più curvo che mai: si trattava del nuovo ancorché sconosciuto Direttore, che diamine! E le gerarchie e i relativi poteri erano formalmente tenuti in gran conto nel manicomio, tanto più che il potere del Direttore doveva servire a legittimare a cascata il potere e le prepotenze di ciascuno dei sottoposti nella gerarchia. Seguendo fiducioso il rito, Pecorari sottopose al Direttore il registro delle contenzioni disposte dai medici, o semplicemente praticate dagli infermieri, il giorno precedente per la firma di convalida. Basaglia lo guardò con aria perplessa e interrogativa e, dopo un indugio che dovette sembrare assai lungo agli astanti, disse semplicemente: e mi, no firmo! L’effetto fu quello di uno sparo nel buio”[1].
Slegalo subito martedì, giugno 30th, 2015
di Giovanna Del Giudice. Venerdì 5 giugno 2015, a Pistoia, nell'VIII Forum salute mentale Maria Grazia Serra, Giovanna Del Giudice e Piero Cipriano hanno annunciato l'apertura della campagna per l'abolizione della contenzione, in una situazione di grande emotività dopo la visione di alcune immagini sull'agonia di Francesco Mastrogiovanni, legato nel letto del Servizio psichiatrico ospedaliero di Vallo della Lucania. Immagini strazianti di un uomo sofferente, reso inerme, negato nella soggettività e nei diritti, invisibile agli occhi degli operatori (guarda il trailer). Non è questa tortura? Come si può considerare la contenzione cura e trattamento sanitario?
Abolire la contenzione lunedì, giugno 22nd, 2015
di Piero Cipriano. Pensavo di sapere tutto o quasi sulla contenzione meccanica, questa primitiva consuetudine, mai estinta, di legare le persone definite agitate, o aggressive, o violente, nei luoghi della medicina in generale, e della psichiatria in particolare. Di cui non si parla mai, salvo quando accade l’incidente, il morto per contenzione, vedi Giuseppe Casu a Cagliari dopo aver trascorso sette giorni, ininterrotti, legato al letto, o Franco Mastrogiovanni a Vallo della Lucania, dopo quattro. Pensavo di essere un esperto, perché lavoro da dieci anni in SPDC (i Servizi Psichiatrici di Diagnosi e Cura ospedalieri, i luoghi dove più di altri s’indulge in questa pratica), e per averla sempre contestata e ricusata, giacché la reputo illecita e antiterapeutica.
Breve resoconto del Forum di Pistoia, “continuiamo a volare alti nel cielo…” giovedì, giugno 11th, 2015
di Anita Eusebi Più di trecento le persone che hanno attraversato il 4-5-6 giugno la “piazza” del Forum Salute Mentale. L’ottava edizione dell’incontro nazionale, tenutasi a Pistoia, ha visto la partecipazione attenta di operatori, persone che hanno vissuto o vivono l’esperienza della sofferenza mentale, familiari, sindacalisti, avvocati, magistrati e giornalisti provenienti da tutta Italia, e ha rappresentato un importante momento di confronto tra diverse generazioni, dai co-fondatori del Forum agli operatori e persone altrimenti interessate a vario livello al mondo della salute mentale che di recente hanno iniziato a collaborare attivamente con il Forum.
Asarp: “Basta legare, superiamo la contenzione.” sabato, maggio 16th, 2015
L’associazione dei familiari Asarp chiede all’assessore regionale alla salute Luigi Arru e alle ASL della Sardegna di mettere in pratica le raccomandazioni del Comitato Nazionale di Bioetica e di predisporre al più presto programmi finalizzati al superamento di ...
Per Pistoia, il CNB per l’abolizione della contenzione mercoledì, maggio 13th, 2015
Per queste ra gioni, il CNB ribadisce l’orizzonte bioetico del superamento della contenzione, nell’ambito di un nuovo paradigma della cura fondato sul riconoscimento della persona come tale (prima ancora che come malato e malata), portatrice di diritti. Il rispetto dell ’autonomia e della dignità della persona è anche il presupposto ...
Per Pistoia. Una campagna per abolire la contenzione domenica, maggio 3rd, 2015
La contenzione, le porte chiuse, la violazione del corpo rappresentano lesioni gravi dei diritti umani e sono pratiche mortificanti per chi le subisce e per chi le esercita. Sono la conseguenza dell’assolutizzazione del paradigma biologico e delle pratiche riduttive ad esso connesso. La rinuncia e la mortificazione degli operatori e la perdita delle infinite risorse che sguardi differenti e diversamente motivati possono introdurre nel campo del lavoro di cura sono una conseguenza drammatica.
Da leggere: Il nodo della contenzione domenica, maggio 3rd, 2015
Il nodo della contenzione Diritto, psichiatria e dignità della persona Stefano Rossi (a cura di) (Edizioni Alphabeta Verlag, 2015) Il volume trae origine dal convegno organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Bergamo nel febbraio 2014. L’interesse suscitato e il vivace dibattito ...
Da leggere: e tu slegalo subito domenica, maggio 3rd, 2015
"… e tu slegalo subito" Sulla contenzione in psichiatria di Giovanna Del Giudice Introduzione di Eugenio Borgna (Edizioni Alphabeta Verlag, 2015) Il 22 giugno 2006 Giuseppe Casu muore nel Servizio psichiatrico di diagnosi e cura di Cagliari, legato al letto, ...
Page 10 of 23« First...«89101112»20...Last »