diritti
La tutela della salute mentale deve diventare uno degli obiettivi cruciali della strategia per contrastare i danni dell’epidemia venerdì, aprile 3rd, 2020
L'appello promosso dalla Conferenza nazionale per la salute mentale • L’emergenza determinata dall’epidemia Covid-19 ha pesanti effetti sulla vita di tutti i cittadini, ancor più gravi per le persone con sofferenza mentale, per i più anziani, per le persone con disabilità e con malattie croniche. • È unanimemente riconosciuto che questa emergenza determinerà conseguenze a lungo termine. I disagi dell’attuale situazione, e la crisi economica e occupazionale che si profila, rischiano di provocare forti sofferenze nel corpo sociale, che devono essere affrontate con misure economiche e occupazionali; e che non devono essere rappresentate come problema psichiatrico, oggetto di un’ennesima diagnosi. • Pur tuttavia vanno sottolineate gravi preoccupazioni per la salute mentale delle popolazioni. L’OMS, nella consultazione sul Global Action Plan (2020-2030), ha aggiunto un obiettivo riguardante La salute mentale nelle emergenze umanitarie. E proprio in questi giorni è stata diffusa la Guida OMS COVID-19: Guida operativa per mantenere i servizi sanitari essenziali durante un’epidemia, che indica tra i servizi essenziali da garantire quelli riferiti alle persone con problemi di salute mentale e più in generale alle persone non autosufficienti e con patologie croniche. • La tutela della salute mentale deve diventare dunque uno degli obiettivi cruciali della strategia più generale per contrastare i danni dell’epidemia Covid-19. • In Italia ancora non è così. Le importanti misure disposte dal Governo per il potenziamento delle risorse del SSN e del personale impegnato in prima fila per fronteggiare l’emergenza della pandemia da Covid-19 non tengono conto della salute mentale. • Mentre tutta la sanità è sottoposta a un grandissimo stress e ad una sfida senza precedenti, la salute mentale, i suoi utenti, le famiglie, gli operatori, soffrono in silenzio. L’impoverimento dei servizi, la loro riduzione e accorpamento, la carenza del personale, già presenti e denunciati da molti anni, si sommano al fatto di essere messi oggi in coda alla lista delle priorità di salute. Paghiamo oggi lo scotto di una lunga assenza o di una debolezza dei governi centrali e locali nel contrastare il riduzionismo assistenziale (poca assistenza domiciliare, poca rete nelle comunità locali, un’escalation di impiego farmaci a lunga azione, carenti interventi per l’inclusione sociale) in perfetta linea con la “trilogia” predominante: visita ambulatoriale, ricovero in SPDC, invio in strutture residenziali, un circuito che favorisce la cronicità e non la ripresa e la guarigione delle persone. Eppure una delle convinzioni maturate in questa pandemia è che il mantenimento e il rafforzamento dei presidi territoriali sono decisivi per sconfiggere il Covid-19. • In questa emergenza si rischia la catastrofe del sistema territoriale di salute mentale italiano. Occorre agire immediatamente. • Per la tutela della salute pubblica bisogna garantire il funzionamento della rete territoriale della Salute Mentale, come dei servizi territoriali rivolti agli anziani, alle persone con disabilità, alle persone con malattie croniche. • Riteniamo necessario che il Governo d’intesa con le Regioni emani disposizioni chiare valide su tutto il territorio nazionale chiarendo che i servizi di prossimità devono garantire ovunque le attività terapeutiche e riabilitative, rispettando le misure di prevenzione e protezione per operatori e cittadini-utenti, e indicando esplicitamente le tipologie di attività da garantire. Questo orientamento è tanto più necessario di fronte a scelte difformi tra le regioni.
Per un piano nazionale per la salute mentale nell’emergenza coronavirus martedì, marzo 31st, 2020
Non solo in Italia, ma in tutti i paesi europei, e sappiamo anche con differenti e più acute drammaticità in ogni luogo dove con forza si avverte l’aggressione del virus, la preoccupazione per le persone che vivono l’esperienza ...
Il Cavallo di Latiano rompe il silenzio giovedì, marzo 5th, 2020
Latiano, 28 febbraio 2020 Marco Cavallo è un cavallo vero, in carne e ossa, una figura importante nel manicomio, perché è quello che traina su e giù ...
Never Ending Story lunedì, febbraio 3rd, 2020
La Convenzione Europea di Oviedo si aggiorna, ma i diritti delle persone restano al palo: una nuova battaglia contro la coercizione in psichiatria? Di Roberto Mezzina e Grazia Zuffa In questi mesi è in corso una complicata vicenda ...
Sanità, Sileri: Tutelare il principio della territorialità delle cure per i malati psichici autori di reato venerdì, gennaio 17th, 2020
[articolo uscito su quotidianosanita.it] «La presa in carico dei malati psichici autori di reato da parte dei servizi di salute mentale delle Asl deve essere effettuata presso il territorio di residenza o, comunque, di provenienza del soggetto, allo scopo ...
Non posso non pensare all’organizzazione che cura giovedì, gennaio 16th, 2020
Di Peppe Dell'Acqua Che cosa è stata la riforma dell’assistenza psichiatrica in Italia, o meglio che cosa avrebbe dovuto essere se non un radicale cambiamento delle organizzazioni del lavoro e delle prassi, dei luoghi e dei tempi, delle tecniche e degli ...
La città che cura martedì, dicembre 24th, 2019
Un Patto per la Salute Mentale a Genova Di Amedeo Gagliardi, portavoce del Coordinamento per Quarto Di fronte a questi cambiamenti, conviene escogitare novità inimmaginabili, fuori dai quadri desueti che formattano i nostri comportamenti, i nostri ...
Le disuguaglianze si acuiscono domenica, dicembre 15th, 2019
Di Fabrizio Starace, Presidente SIEP e componente del Consiglio Superiore di Sanità [articolo uscito su quotidianosanità.it] Se tra il 2015 e il 2017 in Piemonte è più che raddoppiata l'incidenza trattata di persone con diagnosi di schizofrenia, lo stesso indicatore ...
Chi salva un “matto” è un Giusto. Riconoscimento importante a Basaglia lunedì, novembre 18th, 2019
[articolo uscito su Festival dei Diritti Umani, foto di Claudio Ernè] Chi salva un matto è un giusto. Se volete metteteci le virgolette, ma la sostanza è questa. Gariwo, benemerita associazione che si occupa di far scoprire la biografia ...
Ci salverà solo la giustizia sociale domenica, novembre 17th, 2019
Di Fabrizio Barca, coordinatore del Forum Disuguaglianze e Diversità [articolo uscito su La Repubblica] Dalla redistribuzione della ricchezza all'accesso alla conoscenza garantito a tutti: proposte (realizzabili) per uscire dal tunnel Disuguaglianze. Da qualche tempo classi dirigenti, mezzi ...
Page 1 of 712345»...Last »