opg/carcere
Marco Cavallo in marcia giovedì, novembre 14th, 2013
di Anita Eusebi, da L'Unità, 12 novembre 2013 La nuova battaglia: Marco Cavallo, il simbolo della liberazione dei matti, torna contro gli Opg. “Marco Cavallo riparte qui da Trieste per un lungo viaggio attraverso l’Italia per dire basta agli Ospedali ...
Marco Cavallo è partito! martedì, novembre 12th, 2013
Dal 12 al 25 novembre 2013 E' partito oggi IL VIAGGIO DI MARCO CAVALLO NEL MONDO DI FUORI PER INCONTRARE GLI INTERNATI. Oggi una grande festa a Trieste ha accolto il Cavallo che ora partirà alla volta di Torino Centinaia di persone hanno accolto in un clima di festa e di forti emozioni Marco Cavallo, il grande cavallo azzurro di cartapesta (alto quasi 4 metri)  che nel 1973 a Trieste ruppe i muri del manicomio di San Giovanni dando il via all'inarrestabile processo di cambiamento e alla Legge 180. Marco Cavallo è la storia della libertà riconquistata dagli internati e della possibilità che le persone hanno di realizzare i propri desideri.
Genova e Quarto, 14 e 15 novembre martedì, novembre 12th, 2013
Genova aspetta Marco Cavallo, il cavallo azzurro capace, quarant'anni fa, di sfondare il muro di cinta del manicomio di Trieste, diventando simbolo di libertà e speranza. Oggi Marco Cavallo è in viaggio...e giovedí e venerdí 14 e 15 novembre sará a ...
Marco Cavallo. La dignità riconquistata martedì, novembre 12th, 2013
11 - Le ragioni del viaggio di Marco Cavallo nel mondo di fuori per incontrare gli internati. Di Anita Eusebi. Sul piano etico. La dignità di un uomo esiste a prescindere dal suo stato di salute e dai reati che abbia commesso. Questo è il messaggio che Marco Cavallo vuol ribadire con il suo viaggio a fianco di stopOPG, tornando a parlare a gran voce dell’inviolabilità della persona umana, sempre e ovunque. Un principio che vale per tutti, anche per coloro che oggi sono internati negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari. Più di 1000 persone recluse in luoghi definiti “indegni per un Paese appena civile” dal Presidente della Repubblica Napolitano, private di ogni diritto e soggettività, spesso legate e violate, dimenticate e sole, ridotte a “oggetti”. Persone alle quali è urgente restituire il loro volto, la loro storia, i loro diritti, la cittadinanza nel senso più ampio del termine, la dignità di essere umani.
Marco Cavallo. Il crollo delle psichiatrie delle certezze domenica, novembre 10th, 2013
10 - Le ragioni del viaggio di Marco Cavallo nel mondo di fuori per incontrare gli internati. Di Anita Eusebi. Sul piano scientifico - culturale Gli ospedali psichiatrici giudiziari, costituiti alla fine del 1800, in epoca lombrosiana, oggi come allora racchiudono in sé il peggio dell’istituzione manicomiale e di quella carceraria. Si tratta di istituzioni totali che, a più di trent’anni dalla chiusura dei manicomi civili con la legge 180, sono rimaste sostanzialmente estranee e impermeabili all’evolversi nel tempo della cultura psichiatrica. Appaiono tuttora come non-luoghi dove uomini e donne non possono non percepire la provvisorietà, una pena senza fine certa, una perdita pur minima di una qualsiasi identità, dove gli operatori, benchè attenti e generosi, sono costretti a vivere una dimensione lavorativa alienante.
PD: nuova visita OPG Napoli domenica, novembre 10th, 2013
Una delegazione di Psichiatria Democratica (PD) - composta dai dottori, S. di Fede, G. Loffredo, E. Lupo e G. Ortano - nella giornata di mercoledì 6 novembre, si è recata nuovamente in visita all’Ospedale Psichiatrico Giudiziario (OPG) di Secondigliano - Napoli, per conoscere le condizioni in cui vivono ...
Il viaggio di Marco Cavallo nel mondo di fuori per incontrare gli internati domenica, novembre 10th, 2013
12 al 25 novembre 2013 - IL VIAGGIO DI MARCO CAVALLO NEL MONDO DI FUORI PER INCONTRARE GLI INTERNATI per chiudere gli Ospedali Psichiatrici Giudiziari per dire NO ai miniOPG/manicomi regionali per aprire i Centri ...
Opg: lettera al Presidente della Regione Toscana venerdì, novembre 8th, 2013
9- Le ragioni del viaggio di Marco Cavallo nel mondo di fuori per incontrare gli internati. Di Cesare Bondioli. Al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi Finalmente la Toscana ha uno scatto di orgoglio degno del suo glorioso passato di primo governo ad avere abolito la pena di morte e del suo protagonismo nelle lotte anti-manicomiali degli anni’70. Non si può che plaudire alla proposta del Presidente Rossi in risposta all’appello del Presidente Napolitano sulla situazione carceraria di attivare, in tempi brevi, alternative alla detenzione contribuendo concretamente alla soluzione del sovraffollamento.
Il cruccio di Marco Cavallo venerdì, novembre 8th, 2013
8 - Le ragioni del viaggio di Marco Cavallo nel mondo di fuori per incontrare gli internati. Sono i “piccoli opg” regionali il vero cruccio di Marco Cavallo. La mappa della vergogna. L’impegno di tutte le componenti di StopOpg dal gennaio 2012, dalla legge svuota carceri ad oggi, ha tentato di provocare capacità critica per tentare una resistenza che, al momento, appare quasi disperata. Mentre il cavallo si prepara ad affrontare un lungo e faticoso viaggio, non si può non prendere atto che le profezie conseguenti alla dichiarazione di chiusura degli OPG, si vanno avverando: i piccoli, temuti, nuovi manicomi stanno diventando realtà. Fummo facili e tristi profeti allora: le spinte ministeriali e la lusinga del denaro da spendere stanno dissotterrando parole, modelli e strumenti di una psichiatria arcaica e mai veramente dimenticata.
I mini Opg si moltiplicano domenica, novembre 3rd, 2013
7 Le ragioni del viaggio di Marco Cavallo nel mondo di fuori - Franco Rotelli in un incontro a Empoli con l’allora senatore Marino nell’estate del 2012 : “(...) non per essere massimalisti, ma perché abbiamo capito in questo paese, l’ha capito Franco Basaglia per primo, che gli ospedali Psichiatrici vanno chiusi, che la cura delle persone con problemi di salute mentale deve essere fatta dentro a procedure di inclusione sociale e non dentro luoghi separati dalla comunità. Per noi la cura passa attraverso l’inserimento sociale, e non ne può prescindere. Non ci sono dei luoghi più o meno belli che separatamente dai contesti sociali possono trattenere le persone a lungo per essere curate.