opg/carcere
Incontro StopOpg 31 marzo a Roma domenica, marzo 20th, 2016
Un anno è passato dalla data - il 31 marzo 2015 - fissata dalla legge per la chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, e ancora 90 persone sono rinchiuse nei quattro Opg “superstiti”. A Montelupo Fiorentino ci sono 40 internati, a Reggio Emilia 6 internati, ad Aversa 18 internati, a Barcellona Pozzo di Gotto 26 internati. Secondigliano a Napoli è stato chiuso a dicembre 2015. Mentre quello di Castiglione delle Stiviere ha solo cambiato targa, “trasformandosi” da Opg in Rems con oltre 220 internati. Altre 230 persone sono oggi ristrette nelle Rems: le Residenze regionali per l’esecuzione della misura di sicurezza che hanno sostituito la funzione dell’Opg (cioè il ricovero con misura detentiva).
StopOpg: 31 marzo, anniversario della chiusura per legge degli Opg domenica, marzo 6th, 2016
Care amiche e cari amici, in occasione dell’anniversario della ...
“Un messaggio chiamato Cavallo” di Umberto Eco giovedì, febbraio 25th, 2016
Domenica 25 Febbraio del 1973, alle ore 12.45, Marco Cavallo uscì da San Giovanni rompendo le mura del manicomio di Trieste. Quale congiuntura migliore per ricordare insieme a Giuliano Scabia Umberto Eco! Scrive Giuliano: "Mentre il grande Umberto ci sorvola ridendo, rileggo  l'articolo ...
Un’altra vita mi darai… Antonio finalmente fuori! lunedì, febbraio 22nd, 2016
di Francesca De Carolis. S’è aspettato un po’ a dirlo. Forse un po’ per scaramanzia, forse un po’ perché dopo tanto dannarsi e tanto lottare contro le maglie di meccanismi paradossali e crudeli, c’è bisogno di riservarsi del tempo, c’è bisogno di tenere dentro di sé la gioia, accarezzarla con tremore, difenderla dal frastuono del mondo… Ma la notizia è che Antonio (ne abbiamo seguito e raccontato la storia sulle pagine del forum - vedi in fondo il rimando agli articoli), finito poco più che diciottenne in un ospedale psichiatrico giudiziario grazie al perverso gioco di rimandi fra giustizia e psichiatria, è finalmente fuori.
Comunicato StopOpg sulla nomina del Commissario: finalmente una buona notizia lunedì, febbraio 22nd, 2016
E’ Franco Corleone, già garante dei diritti dei detenuti. La nomina, da parte del Consiglio dei Ministri, del Commissario unico per il superamento degli OPG è una buona notizia. L’abbiamo sollecitata da mesi e finalmente è arrivata. Non deve essere considerato un atto “punitivo” verso i comportamenti delle regioni commissariate, quanto ...
Franco Corleone nominato Commissario per il superamente degli Opg venerdì, febbraio 19th, 2016
Franco Corleone, già sottosegretario alla Giustizia e Garante dei detenuti, su proposta dei Ministri della Salute Beatrice Lorenzin e della Giustizia Andrea Orlando, è stato designato Commissario unico del Governo per le procedure necessarie al definitivo superamento degli ospedali psichiatrici ...
Il Governo propone Franco Corleone come Commissario domenica, febbraio 14th, 2016
«La nomina del Commissario unico per le sei regioni inadempienti rispetto alla legge sugli Opg è stata portata in Conferenza delle regioni e non ha avuto parere favorevole. Ma il Governo va avanti sulla sua strada». Lo ha dichiarato il sottosegretario alla salute Vito De Filippo. Il nome designato dal ...
Mauro Palma è il primo Garante nazionale dei diritti dei detenuti lunedì, febbraio 8th, 2016
Mauro Palma è il primo Garante nazionale dei diritti dei detenuti: dopo una lunga attesa finalmente la nomina del Governo La nomina di Mauro Palma a Garante dei detenuti è una buona notizia. In questi anni, anche nella complessa vicenda del ...
Chiusura Opg: è ungente la nomina di un Commissario sabato, febbraio 6th, 2016
Chiusura Ospedali Psichiatrici Giudiziari, stopOPG: Relazione al Parlamento conferma l’urgenza di nominare un Commissario La IV Relazione del Governo sul superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari OPG, presentata al Parlamento, conferma l’urgenza di nominare un Commissario che intervenga nelle Regioni inadempienti, ...
La Rems. E il pranzo della domenica. mercoledì, febbraio 3rd, 2016
di Francesca de Carolis Non si ricorda mai abbastanza, quanto sia enorme il volume di sofferenza che la malattia mentale sempre porta con sé. Non si ricorda mai abbastanza, sopraffatti dall’ansia per noi sani e per una presunta nostra sicurezza che tanti orrori ha prodotto e ancora produce. Eppure, la storia dell’esperienza di Trieste e dintorni, ci ha dimostrato e ancora continua a dimostrarci che esistono strade, che queste strade è più facile trovarle quando al centro della ricerca è la coscienza dell’umanità e del  dolore dell’altro. Come ci racconta quello che accade in questi giorni a Mattia.
Page 8 of 59« First...«678910»203040...Last »