riflessioni
Non posso non pensare all’organizzazione che cura giovedì, gennaio 16th, 2020
Di Peppe Dell'Acqua Che cosa è stata la riforma dell’assistenza psichiatrica in Italia, o meglio che cosa avrebbe dovuto essere se non un radicale cambiamento delle organizzazioni del lavoro e delle prassi, dei luoghi e dei tempi, delle tecniche e degli indirizzi disciplinari, dei rapporti di potere, della disposizione strategica delle risorse in campo e delle persone? Da sempre siamo stati costretti a interrogarci. E più di una volta ne abbiamo scritto. A ben guardare la disposizione dei servizi di salute mentale nel territorio, la loro vicinanza/distanza dalla vita delle persone, i riferimenti culturali e disciplinari, l’organizzazione in una parola, può essere assunta come chiave di lettura di ciò che è accaduto (e accadde). Una chiave efficace per cogliere il senso e le ragioni delle buone pratiche e ancor meglio dei fallimenti. Non posso non partire dalla mia esperienza.
La Regione Lazio scopre il territorio. Veramente? domenica, gennaio 12th, 2020
Il 2020 sarà per la Regione Lazio l'anno della salute mentale. Dobbiamo passare ad un sistema che punti al potenziamento della rete dei servizi territoriali e quindi anche alle tematiche legate alla salute mentale. Questa è ...
A quando un’epidemiologia critica? lunedì, dicembre 30th, 2019
Di Roberto Mezzina È di indubbio valore documentario la pubblicazione dei rapporti sullo stato dei Servizi per la salute mentale in Italia da parte di Starace e collaboratori, elaborati sulla base dei dati ministeriali del SISM (Sistema Informativo Salute Mentale). Ora ...
Cosa fanno i presidenti? venerdì, dicembre 20th, 2019
Sempre più incolmabile il divario tra le regioni Di Peppe Dell'Acqua Di recente l’Istituto Superiore di Sanità e la Società italiana di epidemiologia psichiatrica (Siep) hanno pubblicato a più riprese rapporti basati su studi epidemiologici che restituiscono un'immagine ...
Per prendere parte domenica, dicembre 1st, 2019
Odio gli indifferenti di Antonio Gramsci Odio gli indifferenti. Credo come Federico Hebbel che vivere vuol dire essere partigiani. Non possono esistere i solamente uomini, gli estranei alla città. Chi vive veramente non può non essere cittadino, e ...
“Trieste è una città senza manicomi da quasi 50 anni”, intervista a Roberto Mezzina mercoledì, novembre 20th, 2019
Dopo la conferenza internazionale che, dal 23 al 26 settembre, ha riunito a Trieste (Italia) 400 partecipanti sul tema “Buone pratiche dentro ai servizi: promuovere i diritti umani e la riabilitazione nella salute mentale”, abbiamo voluto intervistare Roberto Mezzina, poco ...
Ci salverà solo la giustizia sociale domenica, novembre 17th, 2019
Di Fabrizio Barca, coordinatore del Forum Disuguaglianze e Diversità [articolo uscito su La Repubblica] Dalla redistribuzione della ricchezza all'accesso alla conoscenza garantito a tutti: proposte (realizzabili) per uscire dal tunnel Disuguaglianze. Da qualche tempo classi dirigenti, mezzi ...
Conflitti di interesse e salute. Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico domenica, novembre 17th, 2019
Di M. Bobbio [recensione uscita su Slow Medicine] Riproponiamo di seguito una recensione di Conflitti di interesse e salute. Come industrie e istituzioni condizionano le scelte del medico di Nerina Dirindin, Chiara Rivoiro, Luca De Fiore ...
Raccontare il manicomio, a Trieste martedì, novembre 12th, 2019
Giovedì 14 verrà presentato a Trieste il libro “Raccontare il manicomio: la macchina narrativa di Basaglia, fra parole e immagini” di Marina Guglielmi, pubblicato da Franco Cesati Editore. «Il processo narrativo basagliano ha disseminato e prodotto narrazioni su tutti ...
Jefferson Garcia Tomala: la sentenza venerdì, ottobre 18th, 2019
Di Amedeo Gagliardi, Associazione San Marcellino, Genova È arrivata la sentenza. E insieme ancora polemiche. Dopo 15 mesi dal giorno che ha visto la fine della giovane vita di Jefferson Garcia Tomala, c’è stata l’assoluzione per l’agente di polizia Luca Pedemonte, ...
Page 1 of 2912345»1020...Last »