Un piano d’azione globale e locale. Per tutti noi

actionplanI grandi problemi smascherati dal virus richiedono un cambiamento radicale nella salute mentale

Questo documento è stato elaborato da

  • International Mental Health Collaborating Network
  • World Federation for Mental Health
  • World Association for Psychosocial Rehabilitation
  • Mental Health Europe
  • European Community based Mental Health Service Providers (EUCOMS) Network
  • Global Alliance of Mental Illness Advocacy Networks GAMIAN
  • Human Rights Monitoring Institute (HRMI)
  • Italian Society of Psychiatric Epidemiology (SIEP)
  • Transforming Australian Mental Health Service System

Siamo persone con esperienza vissuta e che utilizzano servizi, familiari, professionisti della salute mentale, responsabili politici e ricercatori appartenenti alle organizzazioni appena nominate.

Per prima cosa desideriamo dare il benvenuto a tutte le altre organizzazioni e individui che si vogliano unirsi a noi.

1. Introduzione

La pandemia del Coronavirus è un momento di difficoltà ma anche un’opportunità per l’ingegnosità, lo sforzo e l’apprendimento dell’uomo. Queste lezioni le abbiamo già conosciute, ma la pandemia ha puntato i riflettori sull’importanza di:

• Una chiara attenzione alla resilienza e all’azione delle comunità, degli utenti dei servizi e delle famiglie.

• Reti di servizi nella comunità che offrono alle persone una migliore protezione e supporto.

• Vedere e ascoltare la persona come una persona, non come una malattia.

• Riconoscere che le persone emarginate e vulnerabili sono più esposte a problemi di salute mentale.

• Capire che le istituzioni non sono luoghi sicuri.

• Promuovere la necessità di migliori connessioni sociali tra persone e organizzazioni.

• Affrontare i determinanti sociali della salute mentale.

• Rapporti di qualità tra persone e organizzazioni fondamentali per la creazione di partnership sostenibili.

Queste lezioni sottolineano l’importanza di affrontare i diritti umani, la discriminazione e l’esclusione sociale nella società e all’interno dei servizi.

Crediamo sia necessario cambiare il linguaggio e la narrazione sulla salute mentale, sfruttando il coinvolgimento della comunità, con i cittadini al centro.

La salute mentale è affare di tutti:

• La vita è tua / fai il meglio che puoi.

• Sii consapevole che vivi con gli altri / sii responsabile.

• Evita una posizione passiva / sii un partner per una salute mentale positiva.

• Migliora la tua connessione sociale attraverso il coinvolgimento della comunità e la responsabilità verso gli altri che vivono nella tua comunità.

Ora è il momento in cui dobbiamo tutti fare cambiamenti fondamentali per migliorare la salute mentale in tutto il mondo e imparare gli uni dagli altri. Questi cambiamenti devono comprendere l’emancipazione ed essere applicati in modo da rispettare i valori, la cultura e le differenze.

Pertanto, riconosciamo che dovremmo imparare da tutte le parti del mondo e non solo dagli approcci occidentali, e dare la priorità all’identificazione e alla condivisione di buone pratiche in tutto il mondo.

Quando si cerca di migliorare della salute mentale in tutto il mondo, ci deve essere un impegno a eliminare gradualmente le istituzioni psichiatriche e le forme di trattamento antiquate e dannose.

Gli approcci alla salute mentale pubblica sono importanti e dovrebbero essere una parte essenziale dei sistemi sanitari globali.

Per affrontare la necessità di un cambiamento fondamentale nella salute mentale è necessario un ripensamento radicale della nozione di salute mentale globale. La salute mentale globale dovrebbe dare la priorità al miglioramento della salute mentale concentrandosi sui determinanti sociali e raggiungendo l’equità nella cura della salute mentale per tutte le persone, in tutto il mondo.

2. La nostra visione

«Un mondo che rispetta e valorizza le differenze tra gli individui, consentendo alle persone che soffrono di problemi di salute mentale, con l’aiuto appropriato, di condurre una vita soddisfacente e produttiva usando i loro punti di forza e di resilienza per contribuire come cittadini a pieno titolo e arricchire le nostre società».

3. L’occasione per un cambiamento fondamentale

È necessario che tutti noi affrontiamo le questioni dette sopra che richiedono di allargare e arricchire la nostra visione per cambiare radicalmente il pensiero, la pratica e i sistemi.

È per raggiungere questo obiettivo che stiamo lanciando il piano d’azione. Per portare avanti il piano abbiamo formato una coalizione composta da gruppi internazionali, nazionali e locali per la salute mentale. È una coalizione in crescita di gruppi e individui dai paesi a basso, medio e alto reddito.

4. Grandi questioni e azioni per il cambiamento: un piano d’azione internazionale e locale 2020 – 2030

Spinti dalla necessità di “Cambiare il pensiero, cambiare la pratica, cambiare il sistema”, abbiamo identificato con i nostri partner i 12 grandi problemi che devono essere affrontati attraverso azioni pratiche in grado di portare il cambiamento richiesto. Problemi che sono stati identificati nel corso della pandemia che ha messo a nudo le disuguaglianze profonde nelle nostre società e nell’attuale sistema di salute mentale.

4.1 Società e responsabilità: per dare risposte alle persone con problemi di salute mentale

Punti d’azione:

- Una società dovrebbe assumersi la responsabilità di determinare e soddisfare la salute e il benessere dei suoi cittadini sulla base dei diritti umani e civili e di una visione collettiva per la risposta ai bisogni sociali ed economici delle persone.

4.2 Come gli utenti del servizio e le famiglie hanno affrontato la pandemia? Scoprire e valorizzare i modi in cui le persone hanno dimostrato la loro capacità di recupero e la loro ingegnosità in questo momento.

Punti d’azione:

- Raccolta di prove relative a pratiche e approcci innovativi che hanno fornito supporto durante la pandemia. Queste attività devono essere acquisite, attraverso la ricerca / azione e forum di discussione aperti con utenti del servizio, familiari, colleghi e organizzazioni.

4.3 Esiste una necessità fondamentale di concentrarsi sulla comprensione dell’importanza dei determinanti sociali della salute mentale nel soddisfare i bisogni di vita delle persone.

Punti d’azione:

- Sviluppare piani strategici locali sui determinanti sociali della salute mentale attraverso un partenariato comunitario che riconosca cornici e obiettivi internazionali.

4.4 Cambiare il pensiero all’interno dei servizi di salute mentale, tra professionali, organizzazioni e comunità.

Punti d’azione:

- Promuovere culture affinché le persone possano recuperare e scoprire una vita di speranza e di scopo, soprattutto tra i professionali.

4.5 Aumentare i modi per mantenere le persone connesse, coinvolte, informate e sostenute.

Punti d’azione:

- Dobbiamo portare la voce degli utenti dei servizi e delle loro famiglie al centro del processo decisionale, assicurando che ci sia un reale collegamento, fiducia e sostegno.

4.6 Diritti umani: agire in base ai diritti umani e alle libertà fondamentali: muoversi per evitare pratiche coercitive.

Punti d’azione:

- Ridurre l’enfasi sulle pratiche di contenimento del rischio.

- Evitare porte chiuse, isolamento forzato e contenzione. Negoziare con più attenzione e comprensione le forme di trattamento obbligatorio.

- Cambiare gli atteggiamenti, incorporando approcci basati sull’evidenza per ridurre ed eliminare queste forme di controllo.

4.7 Istruzione e formazione: sviluppare l’istruzione, la formazione di base e continua e la riqualificazione di tutti i lavoratori della salute mentale per aumentare le capacità e le conoscenze in materia di recupero, inclusione sociale e partenariati comunitari.

Punti d’azione:

- Dobbiamo coinvolgere università, college e organizzazioni professionali per rivedere i programmi di fondazione e di formazione continua verso lo sviluppo di un nuovo apprendimento, basato sui diritti umani e sugli approcci basati sulla ripresa e la scoperta (recovery and discovery).

4.8 Self Help: garantire la conoscenza e la disponibilità di auto-aiuto, e degli strumenti esistenti centrati sulla persona; aumentare l’uso delle risorse psico-educative e lo sviluppo di nuove risorse.

Punti d’azione:

- Garantire la disponibilità di materiali, libri, app, strumenti incentrati sulla partecipazione, il protagonismo, l’emancipazione.

4.9 Aiuto reciproco: stabilire e promuovere l’aiuto reciproco per gli utenti del servizio e gli assistenti con l’obiettivo di migliorare la solidarietà, la conoscenza, la resilienza e aumentare la speranza e il senso di appartenenza.

Punti d’azione:

- Sviluppo di gruppi di mutuo sostegno, gruppi guidati da pari, gruppi di auto aiuto, forum comunitari, assemblee di cittadini, difesa e patrocinio (advocacy) formale e informale.

4.10 Deistituzionalizzazione: chiusura delle grandi istituzioni psichiatriche attraverso piani strategici e progressivi, aumentando contemporaneamente la disponibilità di sistemi di servizi di salute mentale comunitari completi.

Punti d’azione:

- Rilancio della campagna per chiudere tutte le istituzioni psichiatriche, utilizzando tutte le forme di social media, webinar, conferenze online, seminari, tutorial e forum.

4.11 Scoperta e ripresa (discovery e recovery): aumentare la disponibilità e la scelta di pratiche informate di scoperta e ripresa.

Punti d’azione:

- Identificazione e messa a disposizione dell’ampia gamma di pratiche, strumenti e terapie informati per la scoperta e la ripresa.

4.12 Le persone con diagnosi di disturbo mentale devono avere una maggiore aspettativa di vita e questo problema deve essere affrontato con urgenza dalle organizzazioni.

Punti d’azione:

- Le organizzazioni di salute mentale devono concentrarsi sull’aumento dell’aspettativa di vita delle persone con disturbo mentale.

5. Processi e metodi

5.1 Acquisizione del consenso.

C’è un maggiore vantaggio nel lavorare insieme come organizzazioni internazionali per la salute mentale per identificare e sollecitare un’azione sui grandi problemi durante e dopo la pandemia. Abbiamo lavorato insieme e concordato il piano d’azione in una campagna congiunta. Crediamo e speriamo che in questo modo avremo maggiori possibilità ed effetto nell’influenzare i governi, i fornitori di servizi mentali e le ONG per attuare il nostro piano d’azione.

5.2 Creazione di partnership.

Ora stiamo attivamente cercando l’aiuto di tutte le organizzazioni e i servizi che vogliono far parte di questa campagna per il cambiamento.

5.3 Lancio e diffusione attraverso le nostre reti globali e locali.

Le organizzazioni incluse in questa campagna hanno reti mondiali di migliaia di membri che danno a questa campagna il potenziale per raggiungere i decisori, gli attivisti, i sostenitori e il pubblico a livello nazionale e locale.

Il lancio di questa campagna sarà coordinato dai partner della coalizione.

6. Argomenti e contributi a sostegno

Questo è un documento in corso di sviluppo. Accogliamo con favore altri contributi.

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo