Rems di Barete, immobilismo della Regione
Un dannoso immobilismo da parte della Regione Abruzzo che “ancora non delibera come definitiva la Rems di Barete, non rimodulando di conseguenza il programma al ministero e non permettendo lo svincolo dei finanziamenti governativi”.
Lo denuncia il Comitato StopOPG Abruzzo, riunito a Pescara nei giorni scorsi: preoccupanti in regione i problemi legati alla piena applicazione della Legge 81 sulla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari.
Un percorso di buone pratiche riabilitative, quello effettuato all’interno della Rems dell’aquilano, che rischia di essere fermato dalle mancate azioni della Regione Abruzzo.
“La REMS di Barete è nata nel territorio della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila dopo anni dalla promulgazione della legge, dopo il commissariamento della Regione per inadempienza alle prescrizioni legislative.
La responsabilità è di entrambi gli ultimi governi Regionali, giunta Chiodi e giunta D’Alfonso, che hanno proposto e mantenuto la scelta dispendiosa e dannosa della localizzazione della Rems a Ripa Teatina, nella Asl di Vasto-Lanciano-Chieti.
La Rems continua ad assicurare cure adeguate agli internati-ospiti con percorsi di cura orientati al recupero delle abilità personali nelle relazioni di comunità, nonostante la caratterizzazione di misura giudiziaria, comunque in un contesto di protezione e non di segregazione e non di contenzione. E’ ampiamente dimostrato che i malati mentali vanno curati nella comunità, con attenzione alle relazioni e nel rispetto dei diritti” si legge nella nota del comitato StopOpg
“Questo lavoro è ostacolato dal colpevole, irresponsabile ritardo decisionale del governo regionale, che ancora non delibera come definitiva la Rems di Barete, non rimodulando di conseguenza il programma al ministero e non permettendo lo svincolo dei finanziamenti governativi. Tutto questo grava sulla Asl di Avezzano-Sulmona-L’Aquila, che continua ad accumulare crediti e non procede alla stabilizzazione del personale della residenza”
Nel 2017 la Rems ha raggiunto il numero massimo di 20 persone, inviate per lo piĂą dalla magistratura di cognizione e di sorveglianza, evidenziando comunque la preoccupante consistenza degli internamenti provvisori.
Problema ostativo principale alle dimissioni resta sempre la debolezza dei progetti riabilitativi dei Dipartimenti di Salute Mentale, che di fatto non rispettano i programmi di reinserimento territoriali, non producono progetti che permettono alla magistratura il riesame della pericolosità sociale e quindi l’applicazione a norma di legge della misura alternativa all’internamento con conseguente dimissione del paziente.
Il Comitato ha chiesto un incontro urgente all’assessore regionale alla sanità Paolucci affinché le problematiche trovino adeguate soluzioni e allo stesso tempo attuerà iniziative pubbliche di sensibilizzazione.
rems-59328.660x368Un dannoso immobilismo da parte della Regione Abruzzo che “ancora non delibera come definitiva la Rems di Barete, non rimodulando di conseguenza il programma al ministero e non permettendo lo svincolo dei finanziamenti governativi”.
Lo denuncia il Comitato StopOPG Abruzzo, riunito a Pescara nei giorni scorsi: preoccupanti in regione i problemi legati alla piena applicazione della Legge 81 sulla chiusura degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari.
Un percorso di buone pratiche riabilitative, quello effettuato all’interno della Rems dell’aquilano, che rischia di essere fermato dalle mancate azioni della Regione Abruzzo.“La REMS di Barete è nata nel territorio della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila dopo anni dalla promulgazione della legge, dopo il commissariamento della Regione per inadempienza alle prescrizioni legislative.
La responsabilità è di entrambi gli ultimi governi Regionali, giunta Chiodi e giunta D’Alfonso, che hanno proposto e mantenuto la scelta dispendiosa e dannosa della localizzazione della Rems a Ripa Teatina, nella Asl di Vasto-Lanciano-Chieti.
La Rems continua ad assicurare cure adeguate agli internati-ospiti con percorsi di cura orientati al recupero delle abilità personali nelle relazioni di comunità, nonostante la caratterizzazione di misura giudiziaria, comunque in un contesto di protezione e non di segregazione e non di contenzione. E’ ampiamente dimostrato che i malati mentali vanno curati nella comunità, con attenzione alle relazioni e nel rispetto dei diritti” si legge nella nota del comitato StopOpg
“Questo lavoro è ostacolato dal colpevole, irresponsabile ritardo decisionale del governo regionale, che ancora non delibera come definitiva la Rems di Barete, non rimodulando di conseguenza il programma al ministero e non permettendo lo svincolo dei finanziamenti governativi. Tutto questo grava sulla Asl di Avezzano-Sulmona-L’Aquila, che continua ad accumulare crediti e non procede alla stabilizzazione del personale della residenza”
Nel 2017 la Rems ha raggiunto il numero massimo di 20 persone, inviate per lo piĂą dalla magistratura di cognizione e di sorveglianza, evidenziando comunque la preoccupante consistenza degli internamenti provvisori.
Problema ostativo principale alle dimissioni resta sempre la debolezza dei progetti riabilitativi dei Dipartimenti di Salute Mentale, che di fatto non rispettano i programmi di reinserimento territoriali, non producono progetti che permettono alla magistratura il riesame della pericolosità sociale e quindi l’applicazione a norma di legge della misura alternativa all’internamento con conseguente dimissione del paziente.
Il Comitato ha chiesto un incontro urgente all’assessore regionale alla sanità Paolucci affinché le problematiche trovino adeguate soluzioni e allo stesso tempo attuerà iniziative pubbliche di sensibilizzazione.
Articolo da ->https://www.ilcapoluogo.it/2018/01/20/rems-di-barete-immobilismo-della-regione/

Articoli Correlati:

Share

Lascia un commento

Devi essere registrato per commentare l'articolo