Ricostruzione d’Arte per la salute mentale d’Abruzzo

Ricostruzione d’Arte, ”Ferrara > L’Aquila – un aiuto alle persone con disagio mentale”, mostra e asta di opere donate da artisti vari raccolte su tutto il territorio nazionale. Tutto questo si realizzerà al Cafè de la Paix di piazzetta Corelli a partire dalel ore 17.

Una raccolta di risorse per finanziare i progetti di ricostruzione delle sedi collegate ai servizi di salute mentale de L’Aquila, fortemente danneggiati e resi inagibili dal terremoto del 6 aprile scorso. In particolare si vogliono sostenere le iniziative promosse dall’Associazione 180 Amici, impegnata da anni sul territorio abruzzese nella promozione delle tematiche collegate al reinserimento delle persone con disagio psichico.
Ci ha fortemente motivati il pensiero che un altro terremoto, questa volta fisico, abbia nuovamente e concretamente messo in discussione il fragile equilibrio dei percorsi di integrazione sociale e civile di persone spesso già profondamente ferite nelle loro vite  da scosse e sussulti interiori e personali.
Il progetto vuole dunque anche sostenere, in coerenza con i principi propri dell’Associazione Gli Irregolari, non solo una sede fisica, ma un “luogo delle relazioni” capace di rigenerare valori di integrazione, uguaglianza dei diritti partecipando appunto, con piena legittimità, alla ri-costruzione delle identità, dei significati, del futuro di un territorio e di una comunità ovvero delle persone tutte, senza lasciare indietro nessuno, che in esse vivono.

Rafforzare i legami tra territori non attigui e non immediatamente connessi, recuperando la motivazione e l’interesse a volgere lo sguardo verso  “gli altri”, anche se sconosciuti e senza un interesse specifico, ma semplicemente  seguendo i percorsi e le linee, dalla pianura alla montagna (vedi logo ndr) , tracciate dallo spirito di fratellanza, uguaglianza e giustizia tra le persone senza distinzione di razza, sesso, religione e…presunto equilibrio mentale

Associazione Culturale Gli Irregolari – Nata nel Luglio del 2003 l’associazione nasce come espressione della partnership di ARCI Ferrara al Progetto Bio C’è con il compito di sostenere con iniziative ed eventi di vario tipo le azioni promosse dal progetto ovvero affiancare e integrare le cooperative sociali nei percorsi di formazione e inserimento lavorativo di persone seguite dai servizi di salute mentale in una più ampia prospettiva culturale e di cittadinanza attiva che include anche l’attenzione a temi quali i diritti per le persone a rischio di esclusione sociale, la pace, la mobilità sostenibile ed il commercio equo.
L’associazione promuove e co-organizza progetti ed iniziative in partnership con diverse realtà, pubbliche e private, del territorio

Partners. La Direzione artistica è affidata a YIPA (Youth Italian Photo Agency), che ha raccolto e   selezionato le opere in mostra. L’asta è realizzata grazie all’ospitalità fornita dalla cooperativa sociale Il Germoglio attraverso i locali del Cafe de la Paix messi cortesemente a disposizione dell’iniziativa.

Associazione 180 amici. Nasce a Roma il 25 ottobre 2004 su iniziativa di un nucleo di soci fondatori che hanno sentito il bisogno di creare uno strumento innovativo per sostenere, da cittadini attivi, lo spirito e la completa attuazione della Legge 180 (Legge Basaglia) attraverso al quale, nel 1978, sotto una forte spinta culturale di innovazione, sono stati chiusi i manicomi e avviati processi alternativi di cura e integrazione delle persone con disagio psichico.
Nel 2005 è stata creata una sezione dell’associazione a L’aquila che è entrata a far parte della Consulta Provinciale per la salute Mentale ed ha avviato una collaborazione con i Servizi della locale Asl.
Da sempre, ma ancor più dopo la tragedia del 6 aprile, l’Associazione si è impegnata a promuovere iniziative ed eventi, tra i quali un video autoprodotto,  finalizzati al coinvolgimento ed alla partecipazione attiva degli aquilani in attività e progetti collegati alla oggi ancor più difficile quotidianità delle vite delle persone seguite dai servizi di salute mentale.
Stringere i legami di cittadinanza attiva in momenti di crisi è complesso, ma può essere anche una grande opportunità. Raccoglierla e rafforzare tali legami è la missione che accomuna i partners di questo progetto, oggi, a L’Aquila, domani, insieme ad altri includendo altri orizzonti.

Destinatari secondari. Tutta la cittadinanza, in particolare quella ferrarese, il mondo delle professioni, le istituzioni, le fondazioni e le associazioni culturali, ma non solo, invitate a partecipare ad un iniziativa che ha l’obiettivo di realizzare un progetto concretamente utile (ricostruzione di luoghi e sedi) a chi, anche territorialmente, risulta più penalizzato; Partecipare all’iniziativa significa anche contribuire ad innescare un circolo virtuoso di solidarietà, attraverso l’impegno e la volontà di persone (alcune a loro volta in difficoltà) capaci di creare occasioni di relazioni e di conoscenza, attraverso diverse forme quali l’arte, la cucina, la narrazione, ecc..

La mostra è aperta fino al 17 gennaio mentre oggi (19 dicembre) si terrà la prima asta, il 17 gennaio la seconda.

Per informazioni: Associazione Irregolari, Contrada della Rosa 14, tel. 333/7044143 e 333/5209271, www.arciferrara.org, e-mail irregolari@arciferrara.org, referente Gianluca Gardi (338/8318823)

tratto da: http://www.estense.com/ricostruzione-d%E2%80%99arte-per-la-salute-mentale-dabruzzo-07785.html

    Share

    Lascia un commento

    Devi essere registrato per commentare l'articolo